ANIMAL KINGDOM / Anticipazioni puntata 14 febbraio 2017: Pope sospetta di Joshua, Craig è in fin di vita

- La Redazione

Animal Kingdom, anticipazioni del 14 febbraio 2017, in prima v su Premium Crime. Craig viene trasportato da un medico in Messico; Pope e Joshua finiscono ai ferri corti. 

animalkingdom_facebook
Animal Kingdom, in prima Tv su Premium Crime

Nella prima serata di oggi, martedì 14 febbraio 2017, Premium Crime trasmetterà un nuovo episodio di Animal Kingdom, in prima Tv assoluta. Sarà il secondo, dal titolo “Danni collaterali”. Prima di scoprire le anticipazioni, ecco dove siamo arrivati la settimana precedente: in seguito alla tragica morte della madre, il giovane Joshua (Finn Cole) contatta la nonna Janine (Ellen Barkin) perché possa trasferirsi da lei in pianta stabile. Subito dopo, il ragazzo viene avvicinato da uno spacciatore del quartiere che il giorno prima ha venduto della droga alla madre e pretende di riavere i suoi soldi, ma si allontana all’arrivo di Janine. Una volta alla villa si Smurf, il soprannome della nonna, Joshua rivede tutti e tre gli zii, i figli della donna, che cercano di rimetterlo subito a nuovo. Il particolare che il ragazzo nota nell’immediato sul tavolo della cucina è un forte quantitativo di soldi. Barry (Scott Speedman), Andrew (Shawn Hatosy) e Craig (Ben Robson) non sono d’accordo con la decisione della madre di portare a casa il nipote, dato che non è a conoscenza dell’attività di famiglia ed ognuno di loro rischia di finire in prigione per diversi anni. Smurf però è decisa nel metterlo alla prova, convinta che sia da proteggere, ma nell’eventualità di sbagliarsi, incarica Craig di tenerlo sotto controllo per un po’ di tempo. I cugini lo trascinano subito a fare un giro alla spiaggia per affrontare qualche onda con il surf, dove si imbattono in un altro gruppo. Non appena le tensioni si fanno più accese, Craig suggerisce a Joshua di puntare la pistola contro i rivali, riuscendo a metterli in fuga. La giornata prosegue con gli eccessi e le feste, in cui Joshua viene sballottato ovunque. Poco dopo, Pope (Shawn Hatosy), il fratello di Smurf, arriva in città in seguito alla scarcerazione, mentre Joshua incontra la fidanzata Nicky (Molly Gordon). Intanto, la famiglia deve gestire il ritorno di Pope e la scoperta che hanno venduto la casa in cui abitava subito dopo la condanna. Nonostante questo, Pope cerca di convincere i nipoti a lasciarlo partecipare alla prossima rapina, ma Smurf crede che potrebbe compiere un errore e farli finire tutti in prigione. Il giorno del funerale, una donna afroamericana cerca di partecipare alle esequie, ma viene allontanata dai fratelli Cody. Quella sera, Nicky viene invitata a rimanere alla villa di Smurf per la notte e Joshua sorprende Pope nella sua stanza da letto, intento a guardarla con il respiro pesante. Più tardi, il ragazzo accompagna lo zio per fare la sua parte nella rapina, ma Pope deve intervenire per impedire che venga malmenato in modo eccessivo. Dopo aver assistito a diversi eventi forti ed aver cercato di far del male allo spacciatore che ha provocato l’overdose nella madre, Joshua inizia a riflettere sul tipo di persona che vuole essere nella propria vita. La rapina messa in atto dai tre fratelli non va invece a buon fine e Craig viene colpito in pieno petto da una delle guardie giurate.

In seguito alla rapina messa in atto dai fratelli Cody, la famiglia deve affrontare le conseguenze di ciò che ha fatto, soprattutto quando la guardia di sicurezza a cui hanno sparato muore. Si scopre in seguito che in realtà la vittima è un poliziotto sotto copertura e questo spinge Smurf a cercare in fretta una soluzione prima che le indagini delle autorità portino dritte verso la sua famiglia. Incarica quindi i figli di organizzare un finto falò con la refurtiva ricavata dalla rapina ed incarica Deran e Craig, ancora ferito in modo grave, di distruggere anche l’auto usata quel giorno. Tutto questo non farà altro che aumentare, tuttavia, l’annosa rivalità che c’è fra Pope e Baz. Nel frattempo, Pope continua a guardare con sospetto Joshua ed a sorvegliarlo a vista, non fidandosi del tutto del nipote. Dopo un progressivo peggioramento, Baz inizia a temere che Craig possa morire e decide di caricarlo in auto, alla volta del Messico, dove farlo curare da un medico del posto. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori