GIOVANNI ALLEVI/ Ospite su Rai 2: che racconterà? (Made in Sud, 21 marzo)

- La Redazione

Giovanni Allevi, il musicista è ospite nello show condotto da Gigi D’Alessio questa sera presso l’Auditorium Rai di Napoli. Che cosa racconterà? (Made in Sud, 21 marzo 2017)

NOVE_Hidden_Singer_Gigi_DAlessio
Gigi D'Alessio

A Made in Sud sarà ospite questa sera, martedì 21 marzo, il compositore e pianista italiano Giovanni Allevi. Il musicista marchigiano prenderà parte alla trasmissione condotta quest’anno da Gigi D’Alessio in veste di music guest e sarà protagonista di una breve esibizione dinanzi al pubblico napoletano. Ovviamente si attendono anche tante risate e simpatiche gag con Allevi, il cui carattere gioviale si apre particolarmente a questo tipo di comparse. L’amicizia con Gigi D’Alessio, il quale quest’anno ha apportato alla trasmissione un’inclinazione più musicale, ha sicuramente favorito la sua apparizione come ospite alla puntata. 

Nasce ad Ascoli Piceno nel 1969. Dopo un’infanzia trascorsa nella città natale, in adolescenza Allevi si sposta a Perugia dove ottiene a 21 anni il diploma in pianoforte al conservatorio Morlacchi. Negli stessi anni il giovane Giovanni coltiva la sua passione per la filosofia frequentando l’Università. Nel frattempo, grazie ad un’amicizia che lo lega sin dall’infanzia con il conterraneo Saturnino Celani, bassista per Jovanotti, nel 1997 Giovanni Allevi pubblica alcune sue produzioni al pianoforte sotto l’etichetta Soleluna gestita proprio da Cherubini. Il lavoro vede la collaborazione alla produzione dello stesso Celani e si intitola 13 Dita. Il sodalizio con Jovanotti e Celani prosegue nell’anno seguente, in cui Allevi viene incaricato di fare da apertura ai concerti della band di Cherubini suonando da solo alcuni pezzi dell’album appena pubblicato. Nel 1998 il musicista e pianista conclude il suo brillante percorso universitario con la laurea a pieni voti e con lode in Filosofia e passa, così, al Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano dove otterrà il diploma in Composizione due anni dopo. Dopo aver scritto la colonna sonora del film Venceremos nel 1998, Allevi partecipa al fianco di Jovanotti alla produzione dell’album Lorenzo 2002 Il quinto mondo suonando tastiere e pianoforte e vestendo i panni di co-autore in alcuni brani. Dopo l’ennesima esperienza in collaborazione con Cherubini, nel 2004 Allevi promuove il suo primo tour internazionale partendo dal palco di Hong Kong, e nel frattempo viene scelto per la cattedra di educazione musicale in una scuola media di Milano. Sono anni importanti per la crescita della sua fama e della sua popolarità, tanto che Allevi viene spesso selezionato per prendere parte a convegni in qualità di vero e proprio pedagogo musicale, per cui si trova avvantaggiato e facilitato dalla sua laurea in Filosofia. Il suo terzo album in studio esce nel 2005 e si intitola No Concept e viene presentato anche in Cina e a New York. La fama di Allevi cresce molto più rapidamente all’estero che in Italia, però, tanto che il regista Spike Lee sceglie la sua colonna sonora per dirigere uno spot pubblicitario, mentre la Germanie e la Corea accolgono con plauso il suo lavoro. Nel 2007 arriva il primo importante riconoscimento anche in Italia, grazie all’album Joy che vince il disco d’oro. 

Artista sicuramente singolare e capace di imprimere un tocco personale alla musica classica contemporanea, Giovanni Allevi ha accresciuto a poco a poco la sua popolarità grazie ad anni di impegno e di studio molto intenso. Dopo l’ultimo album in studio del 2015 intitolato Love, e la composizione della colonna sonora della Serie A “O generosa”, l’artista marchigiano è sicuramente atteso da nuove produzioni in studio e collaborazioni importanti. Di questo ed altro parlerà nella sua apparizione a Made in Sud, aprendo magari anche ad una collaborazione con il collega Gigi D’Alessio.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori