GEORGE CLOONEY / Papà, Amal Alamuddin: il parto a Londra!

- Maria Ravanelli

George Clooney, Amal Alabuddin; l’attore rimane a casa per la premiazione dell’Aurore Prize Awakening Humanity per non perdere la nascita dei gemelli                

George_Clooney_LaPresse
George Clooney (Foto: LaPresse)

George Clonney a 56 anni, sta per diventare doppiamente papà. La moglie, la bellissima Amal Alamuddin, potrebbe partorire a momenti. Il termine è fissato per i primi di giugno e nelle prossime ore, la moglie del divo di Hollywood potrebbe mettere alla luce i due gemelli che regaleranno all’attore l’avventura più bella. L’avvocatessa libanese partorirà a Londra dove la coppia vive da qualche mese. Dopo la nascita dei gemelli, George Clooney e la sua bellissima moglie resteranno a vivere in Inghilterra per far crescere i bambini lontani dal clamore di Hollywood. Per regalare ai gemelli un’infanzia serena e tranquilla, infatti, George e Amal hanno acquistato una casa nella campagna inglese vicino Sonning, Berkshire. Una scelta d’amore quella fatta dalla coppia che, sin dal principio, ha scelto di proteggere la storia dai paparazzi e dai vari rumors. Da quando si sono sposati, infatti, i due sono sempre più felici e innamorati (aggiornamento di Stella Dibenedetto).

Manca davvero pochissimo al parto gemellare di Alan Alamuddin. L’avvocatessa libanese partorirà tra pochissimie ore e per non rischiare di perdersi il grande evento, il noto attore di Hollywood, George Clooney, rinuncia alla premiazione di “Aurora Prize for Awakening Humanity”, un evento di beneficienza a cui avrebbe dovuto prendere parte. Inizialmente si pensava che il parto dovesse avvenire nei primi giorni di giugno, probabilmente la prossima settimana, ma le ultime notizie svelano invece che mancano poche ore all’arrivo dei due bebè nella famiglia Clooney. E la star di Hollywood non può assolutamente perdersi la loro nascita anche perchè la moglie Amal non glielo avrebbe mai perdonato. Non ci resta che attendere l’annuncio della nascita che potrebbe arrivare da un momento all’altro. 

“I due gemelli? Sarà un’avventura!”: sono state queste le parole di George Clooney quando, in un’intervista di qualche tempo fa, ha parlato delle prime sensazioni dell’essere presto papà. A distanza di settimane ormai il lieto evento è alle porte: il parto dell’avvocatessa libanese Amal Alamuddin è previsto per i primi giorni di luglio. Il lieto evento sarà a Londra, dove Amal e George vivono stabilmente da alcuni mesi. Stando a quanto svelato i tabloid, i due gemelli rimarranno a Londra per tutto il primo anno di vita e cresceranno nella campagna inglese vicino Sonning, Berkshire. Insomma il lieto annuncio potrebbe arrivare da un giorno all’altro e chissà come la star di Hollywood se la caverà nei panni del papà e stavolta non per un ruolo cinematografico!

George Clooney rimane al fianco di Amal Alamuddin: a brevissimo, infatti, l’attore diventerà papà di due gemelli, e nei giorni scorsi ha dovuto rinunciare a prendere parte all’evento per la consegna dell’Aurora Prize Awakening Humanity, riconoscimento che viene assegnato a chi si è impegnato in cause umanitarie e si è prodigato per la salvezza di innumerevoli vite. Quest’anno il premio è andato al Dottor Tom Catena, e il noto volto del mondo dello spettacolo faceva parte del comitato di selezione: come si legge sul Daily Mail, Clooney ha però spiegato che Amal non l’avrebbe mai perdonato se si fosse perso la nascita dei loro bambini.

In un video messaggio trasmesso durante la cerimonia, il volto di Batman & Robin, Ocean’s Eleven, Good Night, and Good Luck ha ammesso: “I really would have been there but if I came and my wife have twins while I was away I could never come home”, ovvero “Avrei voluto davvero venire, ma se lo avessi fatto e mia moglie avesse avuto i gemelli, non sarei mai potuto tornare a casa”. L’attesa, dunque, è alle stelle: i piccolini dovrebbero nascere i primi giorni di giugno, ma dopo queste dichiarazioni dell’attore hollywoodiano, i fan aspettano il lieto annuncio – e il doppio fiocco – da un momento all’altro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori