Luca Ward / “Sono stato infedele, oggi però amo solo la mia Giada Desideri”

- Anna Montesano

Luca Ward, l’attore e doppiatore si svela in un’intervista al settimanale Nuovo e confessa di non essere stato un uomo fedele. “Oggi però amo solo la mia Giada Desideri”

luca_ward
Luca Ward (Foto Facebook)
Pubblicità

Tutti lo conoscono come attore, probabilmente ancor di più sono le donne rimaste affascinate dalla sua voce profonda e ormai inconfondibile; ma chi è Luca Ward nella vita privata? L’attore e doppiatore, attraverso un’intervista a Nuovo, ha confessato di essere stato poco fedele con le donne. Oggi ha cambiato prospettiva e punta tutto sulla sincerità. A teatro con il musicale Mamma mia! e in tv nel cast di Un posto al sole, queste alcune dichiarazioni: “Erano tempi diversi – ha esordito Ward nel corso dell’intervista – anche se in seguito mi è capitato di chiudere un rapporto, bugie non ne ho più dette. Noi uomini abbiamo l’istinto alla conquista nel Dna, ma bisogna stare attenti, perché finché si è giovani agli errori, si puo’ rimediare, a volte. In età matura, invece, si rischia di perdere la famiglia, che per me è un punto di riferimento fondamentale”.

Pubblicità

LUCA WARD, AMORE A GONFIE VELE CON GIADA DESIDERI: MA IN PASSATO…

“IN PASSATO SONO STATO INFEDELE”

Lo scorso 7 luglio ha festeggiato 4 anni di matrimonio con la collega Giada Desideri da cui ha avuto due figli, Luna e Lapo. Il rapporto con la moglie va a gonfie vele: “Sono sposato e innamorato pazzo di Giada, adoro i miei figli e non metterei mai a repentaglio quello che ho costruito con mia moglie. Però, penso con allegria e con divertimento alle avventure di gioventù”. Altri tempi quando Ward tradiva spesso le sue compagne. Oggi è assolutamente e fedele e non tradirebbe mai la fiducia della sua consorte. Dimostrazione di come si cambia in positivo scegliendo la strada giusta. Il doppiatore ha prestato la sua voce a tantissimi attori ed oggi è una voce inconfondibile per tutti gli appassionati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori