Terele Pávez è morta/ L’attrice spagnola stroncata da un ictus: aveva 78 anni

- Anna Montesano

Terele Pávez è morta. La nota attrice spagnola è stata stroncata da un ictus ed è deceduta all’ospedale La Paz di Madrid. Terele Marta Ruiz Penella aveva 78 anni

terele_pavez_morta
Terele Pavez

Ci lascia oggi, 11 agosto, all’età di 78 anni l’attrice spagnola Terele Pávez, morta a causa di ictus nell’ospedale La Paz di Madrid. Terele Marta Ruiz Penella è nata a Bilbao il 29 luglio. Artisticamente è conosciuta come Terele Pávez è stato un attrice spagnola vincitrice del premio Goya. Figlia del politico Ramón Ruiz Alonso e Magdalena Penella Silva (Suor Teresita Silva ), apparteneva a una dinastia di artisti: rispettivamente, dei compositori Manuel Penella Moreno e Manuel Penella Raga, è stata la sorella delle attrci Emma Penella e Elisa stambecchi. Il suo nome d’arte Pavez viene dal secondo cognome della nonna materna, Emma Silva Pavez. Ripercorriamo i suoi ultimi lavori. Nel 2013 l’attrice ha debuttato in un nuovo progetto con Álex nel film Le streghe di Zugarramurdi, con un ampio cast composto da Carmen Maura, Hugo Silva, Mario Casas.

TERELE PÁVEZ È MORTA: L’ATTRICE SPAGNOLA AVEVA 78 ANNI

CARRIERA E FILM DI SUCCESSO

Ha indossato i panni di una strega nel film ottendendo per la quinta volta la nomination nel premio Goya.  Inoltre ha ottenuto un’altra nomination come miglior attrice non protagonista. Alla fine è riuscita a trionfare e ottenere l’ambito premio. L’anno successivo ha collaborato di nuovo con Alex della Chiesa in  La Grande Notte, un film che ha segnato il ritorno al cinema di Raffaello e ha raggiunto un significativo successo. Nel 2016 ha agito come da intervistatrice nel documentario No Laughing Matter. Nel 2017 Álex della Chiesa, le ha chiesto di partecipare nel suo prossimo film “bar” interpretando se stessa. Oggi ci ha lasciato una grandissima artista. Deceduta nell’Ospedal di La Paz a Madrid, i suoi tantissimi fan sono rimasti colpiti dalla brutta notizia. La Pavez lascia un grandissimo ricordo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori