Marijuana nei party di Biondo ad Amici 17/ Alcol e droga nelle serate organizzate dal cantante?

- La Redazione

Marijuana nei party di Biondo ad Amici 17? Continuano i rumors sui festini che hanno visto come protagonisti i ragazzi del reality show puniti nella diretta di sabato scorso

biondo_amici_17_dplay
La settimana di Biondo ad Amici 17. (DPlay)

Maria De Filippi “non è riuscita a coniare un sinonimo per dire canna in tv e per spiegare quello che succedeva” con queste parole Giulia Castellini di Rolling Stone torna sulla questione festini ad Amici 17. Nei giorni scorsi i ragazzi sono finiti in punizione per qualcosa di non meglio definito ma solo in diretta abbiamo scoperto che Vittorio, Filippo e Nicolas non sarebbero stati da soli ad affrontare l’ennesimo provvedimento disciplinare di questa edizione. Al loro fianco ha preso parte Biondo che proprio in diretta si è lasciato sfuggire: “Mi scuso perché ero io che organizzavo i party”. Subito si è fatto due più due sul web e sui social e si è capito che i ragazzi la sera invece di andare a letto presto e seguire il coprifuoco per arrivare riposati a lezione il mattino, andavano in giro per le stanze (e non solo) proprio per via di questi fantomatici festici a base di alcol e di droga o, meglio, marijuana.

MARIJUANA NEI PARTY DI BIONDO AD AMICI 17

Sempre la giornalista su Rolling Stone rilancia: “Pare che, nel decalogo di regole della scuola, ci sia quella di non introdurre sostanze stupefacenti nel residence. Qualcuno però deve averli definiti una volta di troppo “i ragazzi di Maria” o “artisti in erba” ed è stato facile, a quell’età, cadere in tentazione”. A parte le battute e le accuse sembra proprio che la marijuana entrava in albergo e non solo ed è proprio questo che ha portato la redazione e la stessa Maria De Filippi ad ammonire i ragazzi. Le discussioni non mancheranno riguardo a questo e riguardo alle motivazioni che hanno portato all’espulsione dei ragazzi e le cose potrebbero peggiorare nei prossimi giorni quando scopriremo chi di loro rientrerà e chi meno.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori