SFERA EBBASTA / Foto, il tatuaggio alla tempia per ricordare le vittime della tragedia di Corinaldo

Sfera Ebbasta ha deciso di ricordare le sei vittime di Corinaldo attraverso un nuovo tatuaggio alla tempia con sei stelle vuote.

10.12.2018 - Annalisa Dorigo
Sfera Ebbasta (Instagram)
Sfera Ebbasta (Instagram)

La morte di sei persone prima di un suo concerto previsto nella discoteca Lanterna Azzurra a Corinaldo (in provincia di Ancona), ha comprensibilmente sconvolto Sfera Ebbasta. Il trapper ha reagito all’accaduto affidandosi ai social network, luogo da lui preferito per comunicare con i tantissimi fan. In un lungo post pubblicato su Instagram, il cantante ha espresso il suo dolore per la morte di cinque giovani fan e di una mamma, arrivata nel locale per accompagnare la figlia: “È difficile trovare le parole giuste per esprimere il rammarico e il dolore di queste tragedie. Non voglio esprimere giudizi sui responsabili di tutto questo, vorrei solo che tutti quanto vi fermaste a pensare a quanto possa essere pericoloso e stupido usare lo spray al peperoncino in una discoteca”. Sfera Ebbasta ha quindi ufficializzato la sospensione degli eventi promozionali previsti, sottolineando di sperare che la musica diventi uno strumento di unione e non di separazione. Ma la reazione del trapper non si è limitata ad un solo post…

IL TATUAGGIO IN RICORDO DELLE VITTIME

Sfera Ebbasta ha deciso di ricordare con un segno tangibile le vittime della tragedia di Corinaldo, avvenuta poco prima del suo concerto previsto nella serata del 7 dicembre. Il trapper ha, infatti, deciso di incidere nella tempia un nuovo tattoo che poi ha condiviso con i propri fan su Twitter (clicca qui per vedere la sua foto). In esso si vedono sei stelle vuote che rappresenterebbero proprio le sei vittime di Ancona: Asia, Daniele, Benedetta, Mattia, Emma ed Eleonora. Una decisione condivisa da molti suoi fan, comprensivi sul momento difficile che il loro idolo sta attraversando. Anche lui è rimasto coinvolto nelle polemiche scatenate in seguito al terribile fatto, in quanto l’uso di bombolette spray al peperoncino era stato fatto anche in numerosi altri suoi concerti. Nel frattempo, le indagini proseguono ed hanno portato all’identificazione di un minorenne che potrebbe essere il colpevole dell’evento scatenante dal quale poi sono morti cinque ragazzi e una mamma.



© RIPRODUZIONE RISERVATA