Alessandro Meluzzi VS David Parenzo/ Video: “Dici solo coglion*te!”, “Arcidiacono di ‘sto cazz*”

Alessandro Meluzzi e David Parenzo si sono scontrati verbalmente durante La Zanzara, il programma radiofonico trasmesso sulle frequenze di Radio24.

19.12.2018 - Valentina Gambino
Alessandro Meluzzi e David Parenzo, scontro in radio

Alessandro Meluzzi e David Parenzo si sono scontrati verbalmente durante La Zanzara, il programma radiofonico trasmesso sulle frequenze di Radio24. Lo psichiatra e il conduttore hanno litigato interagendo sul caso del carabiniere aggredito a Roma da un ultrà della Lazio. “E’ l’immagine di un disastro civile” – ha commenta il criminologo – “ed è un disastro che riguarda anche la sicurezza, perché quel povero carabiniere, che peraltro si è comportato molto prudentemente e molto civilmente, meritando un elogio, è l’immagine di una disfatta. Intanto, brandisce una pistola, il che vuol dire che l’ha sfoderata forse per paura. Non si capisce se questa pistola ha la sicura oppure no, perché, se non ha la sicura, è un pericolo, tenerla con la sicura è totalmente inutile. Quindi, c’è un uso sproporzionato della forza. E se avesse sparato, sarebbe stato arrestato o accusato per strage”. Successivamente ha aggiunto che quel carabiniere avrebbe potuto subire lo stesso destino di Placanica, che per legittima difesa sparò a Carlo Giuliani che gli stava tirando contro un idrante di 35 kg e “al quale è stato dedicato vergognosamente una sala della Camera dei deputati”.

Alessandro Meluzzi e David Parenzo, scontro in radio

Alessandro Meluzzi ha successivamente lanciato una proposta a Matteo Salvini e all’Arma dei Carabinieri: “Le forze dell’ordine vengano dotate, come l’esercito d’Israele, di armi a pompa con pallottole di gomma. Le usa anche la polizia americana. C’è anche il civilissimo esercito francese del socialista liberale Macron, l’eroe della sinistra europea, che butta per terra a manganellate paralitici sulle sedie a rotelle e cittadini con in mano il tricolore”. A questo punto, David Parenzo è insorto contro lo psichiatra: “Abbiamo questo tuttologo, anzi due ragazzotti bulli radiofonici, tal Meluzzi e tal Cruciani, che ignorano quanto detto dall’Arma dei Carabinieri”. Meluzzi sbottando ha replicato: “Davide Parenzo, i soldati eroici dello Tzahal che difendono lo Stato di Israele sono bulli? Rispondi!”. Il giornalista però, ha accusato l’altro di essere un bullo: “passato da Lotta Continua a Craxi e poi a Berlusconi e alla Lega”. “Non dire cretinate, sono stato comunista per 12 anni (…) Dici solo coglion*te, Parenzo. Il glorioso esercito di Israele usa pallottole di gomma, come la gloriosa Gendarmerie nationale. I nostri carabinieri vengono mandati allo sbaraglio con le loro scarpette di cuoio e la loro bandoliera dell’800 per essere pestati e ridicolizzati dai delinquenti”. Dopo avere menzionato il comunicato di carabinieri di Roma, Parenzo ha concluso: “Meluzzi, sei un arcidiacono di ‘sto cazz*”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA