Motta / Il singolo “Ed è quasi come essere felice” anticipa il nuovo album (E poi c’è Cattelan)

- Fabiola Iuliano

Motta, questa sera ospite di E poi c’è Cattelan, presenterà il suo ultimo singolo dal titolo “Ed è quasi come essere felice”, che anticipa l’uscita del nuovo album.

motta-video_cs
Motta

Ospite questa sera nel salotto di “E poi c’e Cattelan”, Motta si esibirà sulle note di “Ed è quasi come essere felice”, il brano inedito che anticipa l’uscita in primavera dell’album pubblicato con la “Sugar Music”. Su questo nuovo progetto vige ancora il più stretto riserbo, ma l’artista, raggiunto da Fabrizio Basso per SkyTg24, ha anticipato qualche piccolo dettaglio: “Sono in fase organizzativa. Ho finito di scrivere le canzoni e poi abbiamo prodotto il video di Ed è quasi come essere felice”. Motta ha inoltre rivelato che la clip, prossimamente in uscita, mostrerà diverse tappe in tutto il mondo: “Ci sono molti luoghi, è un video molto itinerante”, aggiungendo inoltre che il nuovo singolo è molto diverso dal resto dell’album e per la sua carriera musicale rappresenta un po’ “il ponte che dal vecchio porta verso il nuovo”. Di questo e tanto altro questa sera si parlerà nell’appuntamento con il late night di Cattelan, in onda in seconda serata su Sky Uno.

GLI ESORDI E IL SUCCESSO DA SOLISTA

Francesco Motta, classe 1986, nasce a Pisa da una famiglia di origini livornesi. Cantautore e polistrumentista, nel 2010 esordisce con i Criminal Jokers, la band fondata nel 2006 con la quale pubblica gli album “This Was Supposed to Be the Future” e “Bestie”, quest’ultimo per la prima volta in lingua italiana. Nello stesso periodo Motta dà il via a numerose collaborazioni suonando come polistrumentista nei concerti di Nada e altre importanti realtà della musica italiana, mentre nel 2013, con gli studi studi presso il Centro sperimentale di cinematografia di Roma guidato dal maestro Ludovic Bource (premio Oscar nel 2012 per la migliore colonna sonora per “The Artist”) dà il via alla sua attività di compositore, creando le colonne sonore di diverse pellicole e documentari. Il primo album da solista, “La fine dei vent’anni”, arriva nel 2016 ed è prodotto da Riccardo Sinigallia, coautore di alcune canzoni. Nello stesso anno vince il premio “Targa Tenco 2016” per la categoria “Opera prima” e il premio PIMI del Mei come “artista indipendente italiano”, e firma un accordo discografico con la “Sugarc Music”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori