Animalisti vegani contro Fabrizio Frizzi e Telethon / L’attacco arriva per il sostegno alla sperimentazione

- Valentina Gambino

Animalisti contro Fabrizio Frizzi e Telethon, Il post shock (poi cancellato) su Facebook e le parole di una di loro in Radio: “Non era meraviglioso come dicono…”.

fabrizio_frizzi_01_2017
Fabrizio Frizzi

C’è chi purtroppo non ha rispetto nemmeno di fronte alla morte, questo è quanto scaturito dalla scomparsa di Fabrizio Frizzi. Alcuni animalisti, non tutti per fortuna, hanno sottolineato come il noto conduttore sia stato punito dal karma per aver partecipato diverse volte a Telethon e quindi indirettamente sostenuto la sperimentazione. Parole difficili da mandare giù quelle di queste persone senza rispetto e cuore che sicuramente affrontano un discorso delicato ma in un modo che più sbagliato di certo non è possibile immaginare. Il motivo arriva dal sostegno alla ricerca e quindi per alcuni indirettamente alla vivisezione e all’oltraggio del mondo animale. Un’accusa che non avremmo voluto sentire soprattutto nei confronti di un personaggio sempre così preciso, cortese e soprattutto dalla morale ferrea. In giorni di disperazione per la morte di Fabrizio Frizzi è totalmente ingiusto far passare un messaggio che si può considerare totalmente senza alcun senso. (agg. di Matteo Fantozzi)

L’indegna e inappropriata reazione di alcuni animalisti

Sdegno e sgomento sono stati i primi sentimenti che hanno invaso i cuori di coloro che stamattina, hanno avuto modo di dare l’ultimo saluto a Fabrizio Frizzi. L’indignazione del popolo della rete è nata però per un motivo ben preciso: l’indegna e inappropriata reazione di alcuni animalisti probabilmente con pochissimo amor proprio. Il celebre e amatissimo conduttore si è spento per una emorragia celebrale dopo essere stato colpito alcuni mesi addietro da una leggera ischemia. Gli haters che costantemente popolano i social network, hanno avuto modo di scendere in campo contro Fabrizio Frizzi colui che, per la sua estrema bontà d’animo, era apprezzato dalla quasi totalità del pubblico italiano. Il motivo di tale e brutale crudeltà? Alcuni rappresentati del mondo animalista e vegano, hanno accusato il presentatore di essere stato testimonial di Telethon in quanto, secondo loro, la fondazione farebbe degli esperimenti sugli animali in favore della ricerca. Tra i post più sconcertanti, quello di Raffaella Sampaolesi, attivista e animalista che in sintesi, ha scritto su Facebook (e poi cancellato) che la morte del conduttore sarebbe stata affidata al giusto karma.

Animalisti e Telethon: le parole shock contro Fabrizio Frizzi

L’attivista animalista è stata quindi raggiunta telefonicamente da Giuseppe Cruciani e David Parenzo, conduttori della trasmissione radiofonica La Zanzara in onda su Radio24.  “Abbiamo letto un po’ di commenti sulla morte Frizzi, lei ha scritto a un certo punto karma, cosa vuol dire?”, ha domandato Cruciani alla Sampaolesi. “Il karma praticamente significa che quello che tu fai ti ritorna, ma non so a che cosa era riferito”, ha risposto lei. “Telethon che promuovevi non ti ha salvato, tutti gli animali negli stabulari che soffrono per niente e che tu promuovevi”, legge invece Cruciani per rinfrescarle la memoria. Per la signora autrice del vergognoso post, condurre Telethon sarebbe stato molto grave: “Indubbiamente per una persona umana potrebbe essere stato meraviglioso, però per me, per come la intendo io, una persona meravigliosa è una persona che si occupa sia di animali che di uomini, non soltanto del genere umano. Quindi se muore una persona a me dispiace e dico riposi in pace, però non posso dire che Frizzi fosse una persona meravigliosa perché comunque propagandava Telethon che secondo me fa pratica sugli animali, non permette la vera ricerca, perché comunque ci sono dei metodi alternativi”. “Frizzi non è quella persona meravigliosa che vogliono propagandare, non era questa grande persona di umanità, perché l’umanità comprende anche prendersi cura degli altri animali”, ha poi concluso la Sampaolesi.







© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori