Selvaggia Lucarelli/ “Il 4 marzo ho votato M5S”: la verità sull’addio a Rolling Stone a Non è l’Arena

- Stella Dibenedetto

Selvaggia Lucarelli ospite di Massimo Giletti a Non è l’Arena, svela per chi ha votato il 4 marzo e la verità sui motivi del suo addio al sito Rolling Stone.

selvaggia_lucarelli_facebook
Selvaggia Lucarelli (Facebook)

Selvaggia Lucarelli senza filtri ai microfoni di Massimo Giletti nel faccia a faccia a Non è l’arena. La giurata di Ballando con le stelle 2018 si è raccontata a 360 gradi non nascondendo neanche la sua ideologia politica. Alla domanda diretta su chi abbia votato lo scorso 4 marzo, Selvaggia Lucarelli non ha avuto problemi nel svelarlo. “Non ho più votato Matteo Renzi e, convinta da mio padre, ho deciso di votare Cinque Stelle”, ha dichiarato la Lucarelli che ha deciso di seguire l’ideologia del padre di cui aveva parlato recentemente in un lungo post su facebook: “S’è innamorato come un adolescente del Movimento 5 stelle ed in particolare, quando vede Di Battista, sembra un tredicenne alla prima cotta. Ci vediamo poco, quindi abbiamo poca occasione per discuterne e per un bel po’ il suo livello di infatuazione m’era pure sfuggito, poi in prossimità delle elezioni ha cominciato a chiamarmi in modalità stalker per chiedermi “Cosa voti!?”, ha scritto la Lucarelli sulla conversione del padre al Movimento 5 stelle (cliccate qui per leggere tutto).

SELVAGGIA LUCARELLI, L’ADDIO A ROLLING STONE

Selvaggia Lucarelli ha approfittato dei microfoni di Non è l’Arena per parlare della sua decisione di lasciare la direzione del sito Rolling Stone. Nonostante il cambiamento apportato al famoso portale, nonostante i numeri raggiunti, ad un certo punto, la Lucarelli ha deciso di salutare tutti. “Non mi bastano né i soldi né i numeri, Non ero contenta perché non mi sentivo libera sentivo delle censure continue riguardo il mio pensiero, quello delle firme che lavoravano con me e quindi il dovermi confrontare costantemente con un editore che mi chiedeva di non andare a toccare determinati paletti e se devo chiedere il permesso per affrontare determinati argomenti…”, afferma la Lucarelli che, in due mesi, era riuscita a raggiungere insieme alla sua squadra dei numeri importantissimi passando da un milione di accessi a quattro. Nonostante tutto, però, ha deciso di rinunciare non sentendosi totalmente libera di potersi esprimere. Cliccate qui per vedere il video.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori