La Tata, Fran Drescher annuncia il possibile ritorno/ “Stiamo lavorando ad un progetto”

- Stella Dibenedetto

La Tata, l’attrice Fran Drescher annuncia il possibile ritorno della serie tv in occasione del 25esimo anniversario: “stiamo lavorando ad un grande progetto”.

latata2018
La Tata

La Tata, una delle serie tv più amate negli anni ’90, potrebbe tornare in onda in occasione del 25esimo anniversario. Ad annunciarlo è l’attrice Fran Drescher che, per sei stagioni, ha interpretato la simpatica Francesca Cacace che si ritrova a fare da baby sitter ai tre figli del famoso produttore Maxwell Sheffield che, rimasto vedovo, si affida all’istrionica baby sitter che, con il suo modo di fare allegro e spensierato, travolge tutta la famiglia cambiando anche le loro abitudini. La serie tv è stata scritta e prodotta dalla stessa Fran Drescher e dall’allora marito Peter Marc Jacobson. Trasmessa dal 1993 al 1999 in molti paesi del mondo, potrebbe tornare presto a fare compagnia ai fans che, in tutti questi anni, hanno continuato a guardare le repliche degli episodi. “C’è un grande progetto. Sarà davvero eccitante per il pubblico, ma non posso ancora parlarne. Posso solo dire che sarà grandioso” ha annunciato l’attrice ai microfoni di “Entertainment Tonight”.

LA TATA: FRAN DRESCHER PREPARA IL GRANDE RITORNO

Il ritorno in tv de La Tata non è ancora ufficiale. Fran Drescher, però, non nasconde la voglia di tornare ad interpretare Francesca Cacace. La storia potrebbe riprendere dal momento in cui si era interrotta o fare un salto temporale e dare vita a nuove ed entusiasmanti avventure. “Non possiamo semplicemente riprendere da dove avevamo lasciato e in un certo senso questo sarebbe ottimo perché lo show può avere una nuova svolta” ha aggiunto l’attrice che, per non dare false speranze ai fans, ha ribadito che “Ne stiamo parlando. Peter e io ne parliamo”. Dopo la cancellazione di Pappa e Ciccia, dunque, la Abc punterà nuovamente su La Tata? “Beh, sto aspettando solo di ricevere una chiamata” ha concluso l’attrice.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori