Uomini e Donne/ Pietro Tartaglione: “Rosa? Con lei voglio 3 figli. Ecco come li chiameremo” (Trono Classico)

- Anna Montesano

Uomini e Donne, anticipazioni trono classico.  Pietro Tartaglione parla dell’amore per Rosa Perrotta e del sogno di avere una famiglia con lei: le sue dichiarazioni

rosa-perrotta-e-pietro-tartaglione
Rosa Perrotta e Pietro Tartaglione sposi ad aprile

Amore e grande passione è ciò che lega Pietro Tartaglione e Rosa Perrotta. I due rientrano sicuramente tra le coppie più belle e affiatate nate nello studio di Uomini e Donne, tanto che, nei loro progetti, ci sono a breve le nozze. A quanto pare, saranno celebrate nel 2019 e i preparativi sono già in atto. È stata proprio l’ex tronista ad ammetterlo in una recente intervista. Tuttavia, proprio nelle ultime ore, è stato Pietro a prendere parola. Su Instagram, l’ex corteggiatore ha deciso di rispondere alle domande curiose dei fan sul rapporto con Rosa. “Cosa provo ogni volta che la guardo negli occhi? – è tra le prime domande poste al ragazzo – Questa è una domanda tanto bella quanto difficile da spiegare a parole. Quello che posso dirvi è che resterei a guardarla per intere giornate. Credo di non aver mai amato davvero prima di lei.”

PIETRO E ROSA: PRIMA LE NOZZE POI…3 FIGLI!

Una meravigliosa dichiarazione d’amore quella di Pietro Tartaglione per Rosa Perrotta. E non è tutto, perché l’avvocato continua: “Mi piace tutto di lei. Fisicamente tutto, caratterialmente pure. E’ per questo che la sposo. – ammette – La prima che mi ha attratto è stato lo sguardo, la seconda cosa il lato b. Non avrei mai immaginato neanche di fare Uomini e Donne, figuriamoci di trovare la donna della mia vita.” C’è tuttavia anche qualcosa che lo infastidisce: “Di lei non sopporto che sta sempre col cellulare in mano.” Pietro sottolinea la voglio di metter su famiglia con Rosa e ammette: “Mi piacerebbe averne 3 (come la mia famiglia e quella di Rosa). Ci pensiamo tutti i giorni. Sicuramente lo chiameremo come mio padre, Domenico, altrimenti addio patrimonio” conclude ironico



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori