Antonio Giuliani/ Il ruolo dei genitori e la “sofferenza” per Roma (I soliti Ignoti)

- Silvana Palazzo

Antonio Giuliani a I soliti Ignoti: il ruolo dei genitori e la “sofferenza” per Roma. Le ultime notizie sull’attore comico, ospite del programma di Amadeus in onda su Raiuno

antonio_giuliani_soliti_ignoti
Antonio Giuliani

Antonio Giuliani è il personaggio noto di oggi de “I soliti Ignoti – Il ritorno”, il programma condotto da Amadeus nel preserale di Raiuno. Non sono mancati momenti di ilarità grazie all’attore comico, che quando è arrivato al centro dello studio ha parlato del rapporto tra genitori e bambini, ovviamente con ironia. «Prima i genitori erano rigidi, mia madre mi picchiava di notte. Non avevo fatto niente, ma lei mi diceva: “Tanto so che domani sbagli”». Poi però è arrivato il momento di presentarsi alla concorrente di oggi del programma. «Ho 51 anni, anche se ne dimostro meno, e vengo da Roma». La concorrente ha immaginato che potesse essere un mago del bricolage, una delle opzioni di oggi, e la sua scelta si è rivelata azzeccata. «No, faccio il sushi… Scherzo, sì sono io», ha risposto Antonio Giuliani prendendosi gioco inizialmente della ragazza.

ANTONIO GIULIANI E IL LEGAME CON ROMA

Antonio Giuliani da febbraio sarà impegnato al Teatro Olimpico con lo spettacolo “Insensibile”. Negli ultimi tempi invece ha parlato di Roma, lanciando qualche critica per l’involuzione della Capitale. «Soffro nel vedere oggi Roma. È un pò un tuffo al cuore, non è mai stata così. Bisogna cercare di dare una mano tutti quanti», ha dichiarato quest’estate al Corriere della Sera. «Vedere meno affluenza di turisti a Roma, il 30 per cento in meno, per paura dei servizi che non funzionano, per paura dei furti, per paura di vedere una città così sporca, è davvero un delitto. Una città così bella, che è tanto peggiorata negli ultimi anni». Ma il legame con Roma è per Antonio Giuliani indissolubile: «Mi ha dato la possibilità di fare questo lavoro, ed essere romano mi ha aiutato molto perché, noi romani, abbiamo l’ironia dentro».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori