DIEGO ABATANTUONO/ “Per essere un ‘figo’ devi avere la cattiveria giusta” (Domenica In)

- Rossella Pastore

Diego Abatantuono presenta Un nemico che ti vuole bene a Domenica In. Poi fa il giurato di Una canzone per Mara, il talent show più sgangherato della tv.

diego_abatantuono_2018
Diego Abatantuono

Il 4 ottobre esce Un nemico che ti vuole bene, il nuovo film di Denis Rabaglia. Diego Abatantuono, il protagonista, lo racconta a Domenica In. “E’ di un regista italo-svizzero, un thriller. Lo definirei ‘giustiziere della notte’ per interposta persona”. Poi dà una lezione di vita: “Per essere uno un po’ figo devi avere la giusta cattiveria”. E lui ce l’ha, anche se non vuole ammetterlo. In molti lo dipingono come “rude” e “burbero”, ma Diego nega tutto: “Il mio aspetto fisico può farlo pensare. Posso dirle che tutte le persone che hanno lavorato con me e che hanno avuto il tempo e il piacere di conoscermi, non mi giudicano affatto burbero”. Oggi è ospite a Domenica In, nei panni di giudice del talent Una canzone per Mara. Le sue critiche sono a dir poco ficcanti: un po’ peperino, in effetti, lo è eccome.

L’AMICIZIA CON VANZINA

Su Oggi si racconta: “Sono un uomo passionale, appassionato, viscerale, e mi piace molto stare con gli altri, quindi è stato sempre facile approfittarsi della mia generosità”. “Generoso”, con lui, è stato Carlo Vanzina. A Vanzina deve tutto, inclusa la battuta che l’ha reso celebre: “Eccezzziunale… veramente”. Chi era Vanzina, per lui? “Un gentiluomo, una persona squisita, un amico con cui ho passato un bel pezzo della mia vita. Aveva delle grandi qualità sia umane che professionali. Uomini come Carlo ne ho conosciuti veramente pochissimi”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori