Mario Giordano in Rai: condurrà la striscia post Tg/ No a Maria Giovanna Maglie

Svolta in Rai: non sarà Maria Giovanna Maglie ma Mario Giordano a condurre la striscia post Tg 1. Le ultime notizie e le reazioni dalla politica.

Mario Giordano a Fuori dal coro
Mario Giordano a Fuori dal coro

Mario Giordano lascia Mediaset e passa in Rai: questa l’indiscrezione lanciata da Agi, che cita fonti aziendali della televisione di Stato. Il noto giornalista del Biscione è il volto di Fuori dal coro, programma in onda su Rete 4, e potrebbe essere lui a condurre la striscia informativa quotidiana post Tg 1, una volta affidata a Enzo Biagi. Il cronista di Alessandria è in netta pole position, scavalcando Maria Giovanna Maglie che nelle ultime settimane è finita al centro delle polemiche per non essere iscritta all’ordine dei giornalisti e per le sue prese di posizione: «Tutto ‘sto casino, tutto questo rumore. Da una parte tutto questo mi stupisce, mi lascia basita. Dall’altra mi dico che non posso incutere tutta questa paura, tutto questo terrore… Queste sono ancora le stimmate craxiane, le stimmate che mi porto addosso per aver abbandonato trent’anni fa il Pci per i socialisti…», aveva dichiarato recentemente al Corriere della Sera.

MARIO GIORDANO IN RAI?

Mario Giordano, che vanta un passato da direttore di TgCom24 e di Videonews, è reduce dalla direzione del Tg4 ed è considerato molto vicino alla Lega di Matteo Salvini. Il classe 1956, reduce da uno scontro in tv con Gino Strada, potrebbe cogliere il testimone di Enzo Biagi e imprimere una svolta in Rai, passando al timone della striscia informativa in onda subito dopo il telegiornale di Rai 1. Un’ipotesi che non farebbe particolarmente piacere all’opposizione, con il Partito Democratico sul piede di guerra: «Se confermata la notizia di Mario Giordano a .@RaiUno nella striscia post TG, precipitiamo nell’era dell’indottrinamento politico. È ufficiale!», il commento della dem Patrizia Prestipino su Twitter. Accostato in estate alla direzione del Tg1, lo stesso Giordano aveva commentato su La Verità «Non lo so se il mio nome è stato davvero fatto per la Rai oppure no. Non lo so se, come mi hanno chiesto in tanti, le voci che circolano in queste ore siano soltanto voci oppure no. Lo so che sembra strano, ma è così: quando parte la girandola, il girandolato è quello che sa meno di tutti. Io, per dire, non so nulla. Davvero nulla. Ma, nell’eventualità ci fosse qualcosa di vero, ecco: fate come se avessi accettato. Cancellate il mio nome».



© RIPRODUZIONE RISERVATA