La Porta Rossa 2/ Bosca svela “Non sono più single”, Cerlino “Le mie nozze segrete”

- Davide Giancristofaro Alberti

La Porta Rossa 2 vivrà questa sera la sua seconda puntata: a Vieni da me, Andrea Bosca e Fortunato Cerlino

Bosca e Cerlino ospiti a Vieni da me
Bosca e Cerlino (Rai)

Andrea Bosca e Fortunato Cerlino saranno protagonisti questa sera della seconda puntata di La Porta Rossa 2, fortunata fiction di casa Rai. I due si sono sottoposti al gioco de “le domande scottanti” durante il programma “Vieni da me” di Caterina Balivo, e l’occasione è servita per scoprire qualche aneddoto in più sulla loro vita. Fortunato Cerlino, il 47enne attore napoletano divenuto famoso per il suo ruolo di Don Pietro Savastano in Gomorra, ha confessato di aver fatto il cantante, ovviamente napoletano, a Londra, nella pizzeria di Harrods. E’ stata un’occasione, ricorda, in cui ha potuto conoscere gente famosissima: «Ho cantato per Pavarotti, Rod Stewart e tutti coloro che si fermavano a mangiare la pizza. Dodi Al Fayed mi salutava». Andrea Bosca, che in La Porta Rossa 2 interpreta un personaggio molto più vecchio della reale età del 38enne di Canelli, ha invece raccontato di quando ha dovuto girare una scena molto hot nel film Gli Sfiorati, con Asia Argento: «Nella scena finale eravamo “supernudi”, ma con apposite protezioni. Però ad un certo punto ci siamo fatti trascinare dalla passione, e abbiamo perso qualche “pezzo”…».
LA PORTA ROSSA 2, BOSCA “NON SONO PIÙ SINGLE”
Decisamente degna di nota anche la replica di Andrea Bosca alla domanda “svelate un segreto”. Lo stesso attore ha infatti confessato di essere felicemente fidanzato con una ragazza che nessuno conosce: «Non sono più single – ha ammesso – ho una relazione con una ragazza da poco, ma non vi dico chi. Tira fuori il lato più giocoso di me, non è del nostro ambiente». Bocca cucita quindi, e chissà che nelle prossime settimane non riusciremo a scoprire di più. Fortunato è invece felicemente sposato e il matrimonio con la dolce metà è avvenuto in gran segreto: «La cosa più segreta che ho fatto – spiega “Don Sevastano” – è stato il matrimonio con mia moglie, ci siamo sposati a Trieste, e solo dopo abbiamo scoperto che anche i nonni di mia moglie si erano sposati nella stessa città. Non volevamo apparire a tutti costi, e stata una cosa molto segreta. Volevamo avere un momento molto intimo, avere intorno a noi le persone che solo a guardarle sorridi».



© RIPRODUZIONE RISERVATA