Francesca Rettondini “il fidanzato? Devo tacere”/ “Alla morte di Alberto Castagna…”

- Matteo Fantozzi

Francesca Rettondini torna a parlare e lo fa tramite le righe di Diva e Donna raccontando anche qualcosa del suo fidanzato. La sua nuova vita dopo la morte di Alberto Castagna

francesca rettondini 2019 instagram
Francesca Rettondini "il fidanzato? Devo tacere"

Francesca Rettondini torna a parlare e lo fa tramite le righe di Diva e Donna raccontando anche qualcosa del suo fidanzato. La donna si è rifatta una vita dopo la morte del suo storico compagno Alberto Castagna e ha sottolineato: “Il fidanzato si chiama Rosario, ma non vuole che si parli di lui. Fa il mio stesso lavoro, l’attore di teatro. Stiamo insieme da sette anni”. Un personaggio di cui non si è mai sentito parlare molto, proprio per la voglia dei due di tenere la loro storia lontana dai riflettori. La Rettondini continua: “Nessuna crisi del settimo anno. E’ più piccolo di me, ma non parliamo di un toy boy. Ho avuto uomini di ogni età, l’unica costante che ho con gli uomini è il sospetto. Di lui però non ho mai dubitato. Sono certa della sua fedeltà perché chi tradisce ce l’ha nel dna. Lui non ha la falsità negli occhi”. Sicuramente una storia d’amore che il pubblico vorrebbe scoprire nei particolari, cosa che però accadrà molto difficilmente.

Francesca Rettondini “il fidanzato? Devo tacere”: capitolo Alberto Castagna

A Diva e Donna Francesca Rettondini non ha parlato solo del suo fidanzato, ma anche del suo grande amore per Alberto Castagna. Tutti ricorderemo la straordinaria storia d’amore tra la conduttrice e il noto giornalista, terminata con la tragica morte di lui dopo anni di sofferenza. Francesca non uscì bene dal lutto: “Dopo la sua morte mi sono ammalata. Sono dimagrita di venti chili in un mese e ho perso i capelli. Ho avuto una psoriasi devastante dalla testa ai piedi”. Quando le chiedono cosa gli mancasse di Alberto, conduttore storico di Stranamore, spiega: “Fu come perdere una madre. Facevamo tutto insieme. Una puntata di Stranamore la vedevo tre volte fino alla messa in onda. Non mi perdevo nulla di lui. Era un buontempone, gli piaceva raccontare barzellette e amava fare degli scherzi al telefono“. Una figura quella di Castagna che il pubblico italiano difficilmente dimenticherà anche se purtroppo fin troppo poche sono le occasioni per i più giovani di rivedere in onda alcuni suoi lavori.

Una nuova vita

Dopo la morte di Alberto Castagna per Francesca Rettondini è iniziata una nuova vita che l’ha portata prima alla sofferenza e poi al recupero. Infine è arrivato il cambio di passo, la forza di rialzarsi e la voglia di continuare a vivere. La Rettondini racconta a Diva e Donna: “Vorrei tornare a fare il mio lavoro, l’attrice. Il set è casa mia, dove mi sento a mio agio. Ma non sto lì ad aspettare che il telefono squilli. Devo essere io a muovermi per far capire la mia voglia di rimettermi in gioco”. Cosa fa adesso? Francesca Rettondini ha aperto una casa di produzione tutta sua che si chiama Starlight Movie Production e svela come sia un’esperienza estremamente emozionante. Ora però c’è voglia di rimettersi in gioco e la consapevolezza che i tempi sono cambiati ma che i valori sono rimasti gli stessi di quando recitava lei.

© RIPRODUZIONE RISERVATA