Manuela Villa a Vieni da me/ “Da ragazzina sono stata molestata, era buio e…”

- Stella Dibenedetto

Manuela Villa risponde alle domande al buio di Vieni da me svelando retroscena inediti della sua vita privata e professionale.

manuea villa 1 640x300
Manuela Villa a Vieni da me

Dopo il racconto inedito di Massimo Bernardini, Caterina Balivo incontra nuovamente Manuela Villa che torna a Vieni da me per rispondere alle domande al buio. Senza voce a causa dell’influenza, la figlia di Claudio Villa si mette a nudo raccontandosi a 360 gradi. Inizialmente conosciuta come Claudio Villa, Manuela ammette che, nei suoi confronti, all’inizio, c’era soprattutto solo curiosità. “All’inizio c’era molta curiosità, però credo che alla base ci sia una buona preparazione perchè esistono molti figli d’arte che non si sono impegnati fino in fondo. I fatto di essere sempre sospesa tra essere e non essere mi ha portata a dedicarmi allo studio. Il gene di Claudio Villa, in me, c’è e questa voce prorompente mi portava a pensare che fosse quella la mia strada, ma il mio sogno era un altro. Ho cominciato a cantare perchè ero disperata visto che la burocrazia era molto lenta.

MANUELA VILLA: “DEVO TANTISSIMO A MIO NONNO PIETRO

La vita di Manuela Villa è ricca di aneddoti e storie da raccontare. Sono tante le persone che ha incontrato nella sua vita e tra queste c’è, in particolare, una persona a cui la figlia di Claudio Villa deve qualcosa. “Devo molto a mio nonno, Pietro, il padre di mio padre, ed era una persona meravigliosa. Lui era zoppicante e veniva a casa nostra per portarci tutto ciò di cui avevamo bisogno. Ne voglio parlare perché non se ne parla mai. Era una persona buona e molto generosa. Ultimamente ho conosciuto dei cugini carnali che portano il mio stesso cognome e sono delle persone meravigliose. Ho ritrovato una famiglia che mi ha accolta a braccia aperte”, racconta la Villa. E tua nonna invece?”, chiede Caterina Balivo.Lei era molto attaccata al figlio e nei confronti delle donne aveva un rapporto negativo, ma la capisco perchè era una mamma. Lei, però, non ha fatto la nonna con noi, ma non mi piace giudicare“. Grata per tutto quello che è riuscita a costruire, Manuela Villa non nasconde di avere un rammarico. “Sono rammaricata perchè avrei potuto fare una carriera come tanti miei colleghi, ma ogni volta che vado a presentare un mio lavoro, mi chiedono puntualmente di cantare le canzoni di mio padre, ma per me è un orgoglio“, conclude la Villa.

MANUELA VILLA: “DA RAGAZZINA SONO STATA MOLESTATA”

Non poteva mancare l’amore tra le tante domande poste a Manuela Villa che si lascia andare ad una confessione. “Sono sempre stata ingannata in amore perchè mi sono portata dietro l’inadeguatezza che si portano dietro tutti i figli che hanno avuto problemi con i genitori. Quindi le mie storie d’amore sono iniziate in modo brutto perchè il mio primo bacio mi è stato rubato nel senso che mi è piombata una persona addosso e mi ha baciata. Quindi mi è stato rubato il sogno del principe azzurro” – confessa Manuela Villa. “Scusa, ma è stata una molestia”, dice la Balivo. “Sì è stata una molestia, ma all’epoca non me ne sono resa conto perchè non si parlava di molestie. Non ho visto chi fosse perchè era buio. Pensandoci oggi, sì è stata una molestia e da quel momento in poi, tutta la mia vita amorosa è stata una tragedia”, confessa la Villa, I problemi in amore, però, non sono ancora finiti. “Ho conosciuto un uomo più grande di me che mi ha completamente soggiogata. E’ stata un’esperienza molto pesante, ma dalla quale ho capito tante cose”, conclude la cantante.



© RIPRODUZIONE RISERVATA