CONSIGLI NON RICHIESTI/ Il purpose delle aziende contro il Covid-19

- Giorgio Fiorentini

Il purpose aziendale è ormai una parola d’ordine importante. Può avere però un risvolto pratico positivo in questo periodo

Operaia Mascherina Lapresse1280 640x300
Lapresse

Nel dibattito di management oggi devi fare sempre riferimento al purpose delle aziende. Forse, diciamolo, un po’ fa parte del “bon ton” manageriale ed è una sorta di parola d’ordine (“management watchword”). Tralascio il tema della distinzione/integrazione fra vision-mission e purpose. Invece vorrei fare un collegamento fra il purpose delle imprese e il Covid-19. In primis una definizione, ovviamente non esaustiva, di purpose: l’insieme integrato delle attività che proattivamente sono la condizione necessaria per il successo (a breve, medio, lungo periodo) dell’azienda; cioè l’impatto positivo generato, misurato per gli stakeholders e gli shareholders.

Il purpose  ha un senso come orientamento positivo ambientale, sociale e di governance (ESG: sì, no, non lo so) sia del management e dei dipendenti, sia della strategia deliberata.L’impatto positivo si raggiunge con un allineamento organizzativo di condivisione di senso (andare verso una meta olistica: economico-sociale) e di incremento dell’orientamento alla ricchezza morale dell’impresa e del commitment conseguente.

E il rapporto con il Covid-19? Le imprese fanno i conti con la sindemia Covid-19 (attenzione non solo pandemia) che ha in sé non solo la componente sanitaria e assistenziale, ma il contesto sociale che è mutato e deve affrontare i bisogni generati per convivere con il virus. Sono bisogni di welfare in generale e aziendale che ancor più devono essere presidiati. In questo contesto non è possibile affermare che è compito dello Stato (in affanno) far fronte alla domanda di servizi e attività “qui e oggi” perché  domani è troppo tardi. Nel concreto, che fare?

1) Guardare e monitorare i bisogni dei dipendenti dell’impresa non aspettando il prossimo Dpcm, ma intervenendo con servizi reali per prevenire, curare le patologie delle  malattie non trasmissibili (MNT) che oggi l’offerta pubblica non è in grado di gestire perché rivolta tutta a curare la pandemia. Questo è il senso dell’approccio della sindemia; se non presidiamo oggi le MNT rischiamo di annullare il nostro patrimonio di persone e la continuità e perdurabilità dell’impresa con evidenti  problemi per il domani.

2) Strutturare un assetto organizzativo e logistico nell’impresa che sviluppa ulteriormente lo smart working, ma ove non è possibile trovare soluzioni di controllo sul distanziamento e sull’uso dei DPI con un controllo anche un pò occhiuto e scientificamente valido.

3) Sviluppare  opportunità di acquisto per i dipendenti  con consegna a domicilio sia facendo convenzioni con imprese food e non food professionalizzate, nonché tramite un controllo dei prezzi che mantengano i livelli pre Covid-19. Certamente per le fasce di dipendenti più anziani questa opportunità è importante. Un ritorno ai Cral? Può essere, ma in una visione più efficiente. E per le Pmi e le micro imprese? Le organizzazioni datoriali possono organizzare questi servizi.

4) Far “toccare con mano” che il purpose è un insieme di servizi reali ed efficaci e quantificare l’impatto che si realizza. Non per millantare un ruolo da “miles gloriosus”, ma per dare concretezza di valore.

5) Coinvolgere i dipendenti nelle soluzioni dei bisogni e sviluppare azioni di volontariato (“employee volunteering”) che rafforza la solidarietà interna e mantiene il senso del purpose.

6) Nelle dichiarazioni non finanziarie (a fronte del D.Lgs 254/16) elencare i KPI che hanno guidato e rilevato le azioni contro il Covid-19.

7) Attivare un volontariato di sollievo per le famiglie dei dipendenti in difficoltà e in quarantena. In logica di solidarietà anche come investimento e con le dovute cautele: 

sollievo relazionale e abilitante, inteso come comunicazione con il paziente in logica di conferma esistenziale;

sollievo fiscale e negli acquisti riguardo a deduzioni/detrazioni in situazione di crisi;

sollievo informativo legale su diritti e doveri a fronte della L.104/92; riguardo ai permessi, alle visite, ecc.; 

sollievo di orientamento riguardo all’offerta socio-assistenziale della zona dove si vive. Non è così scontato che le famiglie sappiano dove sono ubicati gli enti e gli uffici utili per la gestione del paziente;

sollievo programmato di recupero come risposta al bisogno della famiglia di un periodo di riposo e di recupero di energia; 

sollievo di mobilità che consiste nell’accompagnamento per cogliere nuove e funzionali opportunità di mobilità fino alla banale capacità di gestire una persona in “sedia a rotelle” ; 

sollievo psicologico per i bisogni fondamentali e di base; 

sollievo high tech riguardo all’uso di tecnologia informatica (telemedicina, teleassistenza, ecc.) e robotica.
È un modo di dare concretezza al concetto di purpose dell’azienda in COVIDera.


© RIPRODUZIONE RISERVATA