Coronavirus Germania: 1444 morti, 96mila casi/ Letalità all’1% grazie a numerosi test

- Davide Giancristofaro Alberti

Coronavirus Germania: 1444 morti, 96mila casi. Nella nazione tedesca ci si ammala come altrove ma si muore poco

coronavirus germania 1 lapresse1280 640x300
Trasposto di un malato affetto da Covid-19 in Germania (LaPresse)

Gli aggiornamenti dalla Germania in merito all’epidemia da coronavirus, continuano a mostrare una curva dei morti piuttosto contenuta. Sono infatti 1.444 le vittime da covid-19 secondo i dati della Johns Hopkins University. Di conseguenza, la nazione amministrata da Angela Merkel, si trova al nono posto al mondo, dietro a stati ben più piccoli come ad esempio l’Olanda. In quanto a infetti, invece tedeschi più o meno in linea con le nazioni europee, registrando un totale di 96.092 casi di positività, davanti alla Francia (90.8k) e dietro all’Italia (124k). Tutti si domandano come mai in Germania le vittime siano così contenute, con un tasso di letalità che si è fermato al solo 1.3%, contro il 12%, ad esempio, dell’Italia. A dare una risposta ci ha provato il prof. Hans-Georg Kräusslich, responsabile della virologia presso l’Ospedale Universitario di Heidelberg: “L’età media di chi contrae la malattia – ha spiegato ai microfoni del Corriere della Sera – è relativamente bassa, sui 49 anni. In Francia è 62,5 e in Italia 62”.

CORONAVIRUS GERMANIA: SI CERCANO 300MILA LAVORATORI STAGIONALI

“Un’altra spiegazione – ha proseguito il prof. – è che la Germania ha fatto test su molte più persone rispetto alle altre nazioni. Ciò ha permesso di trovare più persone con pochi o alcun sintomo, aumentando il numero di casi noti ma non quello delle vittime”. Secondo i medici, inoltre, anche i test i trattamenti precoci e diffusi hanno fatto la loro parte, così come i numerosi letti in terapia intensiva (nessuna nazione è uguale al mondo), e infine, un governo che gode di molta fiducia e decisamente rispettato dalla popolazione. Intanto in Germania ci si muove per capire come avere la meglio sulla crisi economica che inevitabilmente ha colpito anche la nazione più solida al mondo. Vi è in particolare carenza di lavoratori stagionali, circa 300mila persone che in questo periodo lavoravano nei campi, per i vari raccolti. Il governo ha deciso di dare spazio ai richiedenti asilo, ma anche a camerieri, studenti e parrucchieri che attualmente sono senza lavoro causa covid-19.

© RIPRODUZIONE RISERVATA