Covid, Parigi diventa ‘zona super rossa’/ Nuove misure: stop assembramenti e alcolici

- Raffaele Graziano Flore

Covid-19, Parigi diventa ‘zona super rossa’: il Governo francese vara nuove misure per contenere la nuova drammatica ondata di contagi. Stop ad assembramenti e vendita di alcolici dopo le 20

La Tour Eiffel a Parigi
La Tour Eiffel a Parigi (Web, 2020)

Si aggrava ancora la nuova ondata di contagi in Francia a causa della pandemia e la notizia delle ultime ore che arriva dall’Esagono è che il Governo ha deciso di prendere una misura drastica per limitare il diffondersi del Coronavirus: diverse metropoli francesi, tra cui la stessa capitale Parigi, diventano “super zone rosse” o anche “scarlatte”, inedita dicitura che mostra come la battaglia contro il virus Sars-CoV-2 porti a ridefinire di volta in volta i contorni e l’ambito di applicazione dei provvedimenti anche dal punto di vista… cromatico. A renderlo noto è stata una fonte dell’esecutivo transalpino riportata da France 24, aggiungendo che nelle prossime ore verranno adottate probabilmente altre nuove misure per contenere la diffusione del contagio: basti pensare infatti che nella solta Parigi l’incidenza del Covid-19 riguarderebbe addirittura 204 abitanti ogni 100mila.

PARIGI DIVENTA ‘SUPER ZONA ROSSA’: SI AGGRAVA LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN FRANCIA

Tra i nuovi provvedimenti che dovrebbero essere adottati nella Capitale del Paese, stando almeno alle anticipazioni fornite dal quotidiano Le Figaro, ci dovrebbe essere la proibizione alla vendita di alcolici dopo le ore 20, oltre allo stop assoluto agli assembramenti con più di dieci persone, mentre per quanto concerne gli eventi più grandi il limite massimo (ovviamente rispettando tutte le norme di distanziamento sociale) sarà di massimo 1000 partecipanti; sempre secondo quanto riferito dal prestigioso giornale, il Governo sta pensando anche a delle restrizioni in relazione alle cerimonie. Al momento, come sopra accennato, le misure varranno per i principali agglomerati urbani della Francia ma non è escluso che qualcosa di molto vicino a un nuovo lockdown possa riguardare anche le zone periferiche: infatti solo nella giornata di ieri il bollettino relativo all’emergenza Coronavirus parlava di oltre 10mila casi e col numero dei decessi che è tornato a salire (68 persone sarebbero morte nel giro di 24 ore).

© RIPRODUZIONE RISERVATA