Covid party, cosa sono/ No vax si infettano per ottenere il Green Pass, è allarme

- Chiara Ferrara

Covid party, ecco cosa sono: gli eventi organizzati dai no vax per contrarre il virus e ottenere il Green Pass da guariti, ma i rischi sono enormi

covid party no vax
Protesta no vax a Roma il 17 maggio scorso (LaPresse)

Cosa sono i Covid Party? L’ultimo escamotage trovato da coloro che rifiutano di aderire alla campagna di vaccinazione per ottenere il Green Pass senza ricorrere ogni quarantotto ore al tampone. Essi, infatti, piuttosto che ricevere le dosi, preferiscono farsi infettare e attendere di guarire, con i rischi che ne conseguono per la salute loro e di coloro con cui entrano a contatto.

È così che nelle scorse settimane un elevato numero di giovani – ma non solo – sono finiti in ospedale a causa delle complicanze della malattia ed hanno rivelato di essere stati contagiati proprio nel corso di questi eventi, dove si erano recati per farsi volontariamente infettare. L’allarme è stato lanciato, attraverso il Corriere della Sera, da Patrick Franzoni, vice coordinatore della unità Covid della provincia di Bolzano: “Alcuni pazienti hanno ammesso di essersi fatti infettare di proposito. Per sviluppare gli anticorpi, e per ottenere il Green pass senza vaccinazione”, ha spiegato. Il fenomeno, purtroppo, tuttavia non è isolato. Dall’inizio della pandemia, in tutto il mondo, i Covid Party sono stati piuttosto frequenti, con conseguenze notevoli.

Covid Party, cosa sono e da chi vengono organizzati

Covid Party vengono organizzati dai no vax stessi, che si mettono d’accordo attraverso i gruppi Telegram e Whatsapp. “Cercasi positivo al Covid-19, zona basso Piemonte o Liguria, disposto a immunizzarmi con Covid originale, anche a pagamento, da concordare”. Questo, secondo quanto riportato da Huffington Post, uno degli annunci, firmato da un lavoratore disperato poiché è stato sospeso da lavoro in quanto senza Green Pass. L’uomo è disposto a tutto per ottenere il certificato verde senza vaccinarsi.

I positivi che rispondono agli annunci al momento sembrano merce rara, ma i no vax non mollano. Gli annunci ormai appaiono ovunque ed attraversano l’Italia intera. I diretti interessati sono disposti a spostarsi pur di raggiungere coloro che possono contagiarli. Qualcuno ha provato ad infettarsi anche attraverso familiari e conoscenti che hanno contratto il virus, ma sfortunatamente per loro non ci sono riusciti. “Mia madre lo ha avuto, sono stata a contatto con lei e non sono risultata positiva neanche una volta. Sto andando al cinema e al ristorante per provare a prenderlo. Che sfiga che funzioni tutto”, scrive un utente.

Covid Party, cosa sono e quali pericoli nascondono

I pericoli dietro ai Covid Party, l’ultimo tentativo estremo dei no vax per ottenere il Green Pass senza ricevere il vaccino, sono notevoli. In primis per i diretti interessati. Non sempre, infatti, si guarisce dal virus senza ripercussioni. In Austria un uomo di 55 anni è morto dopo avere contratto la malattia proprio in uno di questi eventi. Molti giovani a Bolzano sono ricoverati per il medesimo motivo.

I rischi, ad ogni modo, sono rilevanti anche per la salute pubblica. È plausibile infatti che scaturiscano da tale fenomeno dei veri e propri focolai, al punto tale che il virus arrivi a diffondersi a dismisura, anche contagiando persone fragili che, pur avendo ricevuto il vaccino o non potendosi vaccinare, rischiano la vita. L’obiettivo delle autorità sanitarie è dunque quello di mettere un freno ai Covid Party al fine di preservare la salute pubblica.



© RIPRODUZIONE RISERVATA