SARAH SCAZZI/ Supertestimone, ha visto un’auto passare davanti a casa Scazzi il giorno della sparizione

- La Redazione

Sparizione di Sarah Scazzi, un supertestimone dice di aver visto una macchina misteriosa

sarahscazzi_R400
Sarah Scazzi

Spunta un nuovo supertestimone, a oltre un mese dalla sparizione di Sarah Scazzi, la ragazza quindicenne di Avetrana. La persona ha rivelato – solo oggi – di aver visto una macchina che si muoveva per via Sanzio, quella dell’abitazione di Sarah, proprio quando la ragazza scompariva nel nulla.

Il testimone si trovava in via Pirandello e verso le ore 14 aveva parcheggiato all’incrocio con la strada in cui Sarah Scazzi sarebbe stata rapita. Avrebbe notato qualcosa che lo avrebbe insospettito. La macchina avrebbe ripreso a marciare a passo d’uomo verso viale Kennedy, il lungomare di Avetrana. La guidava un uomo. La macchina sarebbe poi tornata indietro e attraversato lo stesso incrocio di prima.

Questa volta andava in direzione opposta e a velocità sostenuta. In questura c’è la sensazione che si stia arrivando alla soluzione del caso: il ritrovamento del cellulare di Sarah, la macchina, il nuovo testimone. Lo zio di Sarah, che ha ritrovato il telefono della ragazza, è stato interrogato a lungo. Gli specialisti del Ris stanno analizzando proprio il cellulare: è già stato escluso che sia stato abbandonato nel campo dove è stato ritrovato. Ci sarebbe stato gettato molti giorni dopo, poche ore prima di venir ritrovato.

Si pensa che il cellulare sia stato gettato nel campo per depistare le indagini. Intanto si continua a indagare tra amici e parenti di Sarah. Ieri i carabinieri sono tornati a casa sua e hanno interrogato la mamma, che ha dichiarato nuovamente: “Bisogna indagare su tutto e su tutti”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori