SANTO DEL GIORNO/ 4 marzo 2011: san Casimiro, principe polacco

- La Redazione

Si celebra oggi come santo del giorno 4 marzo 2011: san Casimiro, principe polacco che scelse di dedicare la propria vita alla carità e alla devozione mariana, rinunciando al potere

tutti_santiR400
Tutti i santi

Si festeggia oggi come santo del giorno, san Casimiro, che fu principe della Polonia; il suo nome in polacco significa “che vuole la pace”. San Casimiro nacque a Cracovia il 3 ottobre 1458, era il terzo dei tredici figli di Casimiro IV, re di Polonia, e di Elisabetta d’Austria, figlia dell’imperatore Alberto II. Giovanni Dlugosz, storiografo e canonico di Cracovia, religioso schivo ma uomo di grande studio e santità si occupò della sua educazione, rivelandosi un ottimo insegnante.

Il giovane non era dedito al potere e alle armi, ma preferiva piuttosto dare il suo tempo e le sue ricchezze ai poveri, agli oppressi, ai pellegrini e ai prigionieri, segnalando al re padre tutte le necessità che avvertiva per i più bisognosi. San Casimiro, principe di bell’aspetto, decise di rinunciare ai piaceri mondani e di dedicarsi a una vita più monastica che principesca. Quando gli Ungheresi si ribellarono al loro re, Mattia Corvino, e offrirono al tredicenne principe Casimiro la corona, egli rinunciò perché seppe che il papa era contrario alla deposizione di Mattia Corvino.

CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO SU SAN CASIMIRO SANTO DI OGGI  4 MARZO 2011

Quando il re Casimiro IV decise di dedicarsi a una politica di conquista affidò proprio a san Casimiro l’incarico di reggente di Polonia e il principe, pur essendo malato di tubercolosi, accettò e svolse il suo compito con umiltà.

Avendo fatto una scelta di castità e devozione totale alla Madonna san Casimiro non volle sposarsi con la figlia di Federico III, matrimonio organizzato dal padre per allargare i confini del regno. La tubercolosi lo condusse a una morte prematura, a soli 25 anni a Grodno (in Lituania) il 4 marzo 1484. Nel 1521 papa Leone X lo dichiarò patrono della Polonia e della Lituania.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori