ASSOBIOTEC MEDIA AWARD 2017/ La quarta edizione vinta da Massimo Gramellini

- Bruno Zampetti

Il giornalista Massimo Gramellini ha vinto la quarta edizione dell’Assobiotec Media Award, premio giornalistico istituito nel 2014 da Assobiotec, che fa parte di Federchimica

gramellini_massimo_youtube
Massimo Gramellini

LA MOTIVAZIONE DEL PREMIO

Il giornalista Massimo Gramellini ha vinto la quarta edizione dell’Assobiotec Media Award, premio giornalistico istituito nel 2014 da Assobiotec, l’Associazione nazionale per lo sviluppo delle biotecnologie che fa parte di Federchimica. Adnkronos riporta la motivazione che ha fatto ricadere la scelte sul vicedirettore ed editorialista de Il Corriere della Sera: “Per l’attenzione dimostrata negli editoriali pubblicati sul Corriere della Sera verso i temi della ricerca scientifica; per l’importante contributo dato affinché le barriere ancora esistenti tra ricerca e società civile siano finalmente abbattute”. Avvicinare scienza e grande pubblico è infatti uno degli obiettivi dell’European Biotech Week, che si è svolta dal 25 settembre al 1° ottobre. 

LE PRECEDENTI EDIZIONI

Non a caso la premiazione del giornalista noto anche per la sua presenza in tv, anche con la conduzione de Le parole della settimana, è avvenuta il 27 settembre durante il Technology Forum Life Sciences 2017 evento organizzato da The European House Ambrosetti, in collaborazione con Assobiotec e Cluster Alisei, nell’ambito delle iniziative relative alla Settimana europea delle biotecnologie. L’Assobiotec Media Award è un premio alla capacità di raccontare tematiche complesse, rendendole accessibili al grande pubblico. Con questo Premio Assobiotec vuole richiamare l’attenzione pubblica sul valore della corretta informazione della scienza, indispensabile strumento di progresso e di benessere e quindi segnalare il merito di chi concretamente si adopera per favorirla. Nella sue prime edizioni il Premio era stato assegnato a Riccardo Iacona, Mario Calabresi e a Luca De Biase.   



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori