PICCHIA LA MADRE PER FARLA PROSTITUIRE/ Siracusa, 15enne arrestato: chiedeva i soldi per giocare alle slot

- Emanuela Longo

Picchia la madre per farla prostituire: 15enne di Siracusa denunciato e trasportato in una comunità per minori. Le slot machine la sua ossessione, vittima anche il fratellino.

violenza_donna_mano_pixabay_2017
L'omicidio di Deborah Ballesio

Dalla Sicilia arriva una storia orribile di violenza e disagio familiare con protagonista un ragazzino minorenne di appena 15 anni. Il giovane, stando a quanto reso noto da Quotidiano.net, voleva far prostituire la madre a tutti i costi in modo da potergli dare i soldi che richiedeva per giocare alle slot machine. Il gioco d’azzardo era diventato per il ragazzino una vera e propria ossessione e per questo si era messo in testa di spingere la madre sulla strada pur di poter avere il denaro necessario per dare sfogo alla sua passione malata. E se non riusciva a soddisfare i desideri di gioco, ecco che si trasformava in un ragazzino violento arrivando a picchiare non solo la donna ma anche il fratellino. E così, giunta ormai all’esasperazione, la madre avrebbe deciso invano anche di scappare di casa, prima della denuncia che ha portato a far intervenire i Carabinieri i quali hanno accompagnato il 15enne in una comunità per minori, in seguito ad un provvedimento emesso dalla procura dei minori di Catania, con le accuse di maltrattamenti in famiglia e tentata estorsione a scapito della madre.

FRATELLINO DI 10 ANNI SECONDA VITTIMA DI VIOLENZA

Il 15enne avrebbe manifestato in diverse occasioni atteggiamenti violenti nei confronti della mamma che intendeva farla prostituire per poi pretendere il suo denaro. Per questo, secondo le denunce giunte alle forze dell’ordine, l’avrebbe più volte picchiata anche con una pietra ed un ombrello, impedendole addirittura di uscire di casa. A finire nel vortice della violenza del ragazzino anche il fratello minore di 10 anni, intervenuto in difesa della madre. La vittima, come riporta l’agenzia di stampa Ansa, in un’occasione sin sarebbe data alla fuga pur di non avere a che fare con il figlio 15enne violento, ma quest’ultimo avrebbe scoperto dove si nascondeva, rintracciandola a casa di amici e una volta raggiunta avrebbe continuato a picchiarla ed a minacciarla. L’incubo per la donna ed il figlio minore è finito quando qualcuno ha deciso di denunciare i fatti e far avviare così le indagini a carico del 15enne.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori