Primogeniti più intelligenti?/ Lo dice uno studio dell’università di Edimburgo, ecco perchè

- La Redazione

I primi figli più intelligenti secondo uno studio dell’Università di Edimburgo: avrebbero più stimoli dai genitori rispetto ai secondogeniti o altri figli (oggi 13 gennaio 2017)

scuola_bambino_maternaR439
LaPresse

Uno studio dell’università di Edimburgo pubblicato sul Journal of Human Resources prova che i primi figli sono più intelligenti ed acuti rispetto ai loro fratelli. “I primi figli sono più acuti e intelligenti dei loro fratelli perché ricevono più stimoli nei loro primi anni di vita e ottengono punteggi migliori nei test sul quoziente intellettivo” quanto rilevato dallo studio di alcuni studenti dell’Università di Edimburgo. I ricercatori hanno analizzato insieme a quelli dell’università di Sydney i dati di cinquemila bambini a cui era stato chiesto di riconoscere e abbinare lettere, leggere singole parole e disegnare dei vocaboli ogni due anni fino al compimento del quattordicesimo anno ed hanno utilizzato questi risultati in relazione ai loro genitori (soprattutto in base ai loro comportamenti). I primogeniti hanno avuto più supporto nei compiti che implicavano pensieri e riflessioni, ottenendo migliori punteggi nei test.

I primi figli più intelligenti dei secondi? Uno studio dell’Università di Edimburgo lo prova. I ricercatori hanno provato questo test su cinquemila bambini in relazione al comportamento dei loro genitori ed hanno potuto notare che mamma e papà sembrano aver trascorso meno tempo nel fare attività che stimolano il cervello con i figli più piccoli, come la lettura, la musica ed altre attività rispetto a quanto fatto invece con i primogeniti. I genitori infatti sembrano più propensi ad assumere comportamenti addirittura più rischiosi, come fumare di più. La coordinatrice di questo studio, Ana Nuevo-Chiquero, ha potuto evidenziare proprio queste differenze per capire come i primogeniti siano molto più stimolati da piccoli, e quindi più intelligenti in età adulta. I primi infatti hanno più successo e soprattutto sono più ambiziosi, ed hanno il 16% di possibilità in più di avere anche una migliore istruzione.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori