LADRO DI FORMAGGIO/ Palermo, condannato a 1 anno e 4 mesi: rubò pezzo di parmigiano in un supermercato

- Emanuela Longo

Ladro di formaggio, ultime news: ruba un pezzo di parmigiano in un supermercato nel Palermitano. 45enne condannato un anno dopo a 1 anno e 4 mesi di carcere.

supermercato_shopping_carrello_pixabay
Pixabay

Un pezzo di formaggio rubato al supermercato gli è costato caro ad un uomo di 45 anni, Filippo Maurizio Polizzotto. Al termine del processo con rito abbreviato e che gli ha permesso di poter usufruire della riduzione di un terzo della pena, l’uomo con precedenti penali, è stato condannato ad un anno e quattro mesi di carcere ed al pagamento di una multa di 400 euro. I fatti contestati risalgono allo scorso 18 luglio quando, come riporta il quotidiano Corriere del Mezzogiorno nell’edizione online, Polizzotto si macchiò del furto di un pezzo di parmigiano all’interno di un supermercato della catena Eurospin di Mondello, nota località balneare di Palermo. Secondo quanto stabilito dal giudice Nicola Aiello, il 45enne avrebbe rubato il pezzo di formaggio dallo scaffale nascondendolo sotto la maglia. Dopo essere passato davanti alla cassa, intenzionato a non pagare, la commessa gli avrebbe chiesto cosa nascondesse, ma si contro Polizzotto le avrebbe sferrato una violenta gomitata.

Nell’ambito del processo a suo carico, il pm Luca Battinieri aveva avanzato al Gup la richiesta di condanna a carico del ladro di formaggio era pari a 2 anni e 2 mesi di reclusione. Nella sentenza di condanna, tuttavia, il giudice ha concesso a Filippo Maurizio Polizzotto qualche attenuante ma ha negato la sospensione condizionale della pena che dovrà così scontare in carcere. Anche nel corso del processo il 45enne ha continuato a negare di aver rubato del formaggio. Il suo racconto, infatti, sarebbe del tutto differente rispetto alle accuse: a sua detta, avrebbe preso il pezzo di parmigiano dallo scaffale ma poi sarebbe stato costretto ad uscire dal supermercato per risolvere una questione importante con la sua convivente. “Alla cassa per pagare avevo lasciato mio figlio”, ha tentato di giustificarsi l’uomo, già noto alle forze dell’ordine per i suoi precedenti. Il giudice, tuttavia, non ha affatto creduto alla sua versione, aggravata anche dalla gomitata ai danni della commessa. Non solo: secondo l’accusa il ladro di formaggio dopo essere stato bloccato si sarebbe rifiutato sia di consegnare la merce rubata che di pagarla.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori