OMICIDIO IN STRADA/ Terni, 49enne ucciso a colpi di pistola: un testimone, “una lite prima della sparatoria”

- Dario D'Angelo

Omicidio in strada a Terni: un 49enne albanese è stato ucciso stamattina intorno alle 7 in via Galvani. Un residente, svegliato dalle urla, ha parlato di una lite prima della sparatoria. 

carabinieri_omicidio_3_lapresse_2017
Dramma a Lido di Venezia, 25enne impiccato nel Parco (LaPresse)

Terrore a Terni, teatro di un omicidio avvenuto per strada intorno alle 7 di questa mattina in via Galvani. A perdere la vita, secondo quanto riferito da Umbria24, è stato un 49enne albanese ucciso con dei colpi d’arma da fuoco. A dare l’allarme alcuni residenti, svegliati dalle urla che hanno preceduto la sparatoria. Sembra infatti che la vittima, che a quanto risulta dalle prime informazioni sarebbe un muratore senza particolari precedenti penali, abbia litigato ferocemente con il suo assassino, prima che quest’ultimo estraesse la pistola facendo fuoco. Discrepanze emergono dal racconto dei testimoni e dei residenti della zona rispetto al numero di colpi di pistola esplosi: c’è chi parla di 3, ma c’è anche chi si spinge fino a 7. Spetterà dunque agli inquirenti, che hanno ritrovato l’arma all’interno di un cassonetto della spazzatura, cercare di ricostruire l’esatta dinamica della sparatoria risalendo al numero preciso di bossoli e arrivare ad identificare l’uomo che dopo aver sparato si è dato alla fuga. In questo senso ad occuparsi delle indagini saranno la squadra mobile e il nuovo questore di Terni Antonino Messineo: i rilievi tecnici del caso sono sotto la supervisione del dal pm di turno, Raffaele Pesiri.

OMICIDIO IN STRADA A TERNI, 49ENNE UCCISO A COLPI DI PISTOLA

IL RACCONTO DI UN TESTIMONE

Ha destato particolare scalpore in quel di Terni la notizia dell’omicidio avvenuto in strada in via Galvani. Secondo il racconto di un residente nella zona svegliato dalle urla che hanno caratterizzato la lite precedente alla sparatoria, erano da poco trascorse le 7 quando il 49enne albanese rimasto ucciso si è accasciato al suolo dopo essersi trascinato per alcuni metri. Questo il racconto dell’uomo, che potrebbe risultare utile per tentare di risalire all’assassino:”Io ho la macchina lì, la mia Golf: ci sono le sue impronte addosso, si è accasciato lì affianco. Io non lo conoscevo, non l’avevo mai visto. Ci hanno svegliato le grida, abbiamo detto: ‘cos’è successo?’, qui di solito è tranquillo. Non so dire se litigavano in italiano o meno, ma ci hanno svegliato le urla. Poi abbiamo visto quello e abbiamo chiamato i carabinieri: accanto a lui c’erano una ragazza, che forse e era la figlia, e una signora (la moglie, ndr)”. A questo punto il mistero si infittisce sempre più: chi ha ucciso il 49enne albanese: e perché?



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori