CHIESA GONFIABILE/ Matrimonio e Messa in spiaggia, e dopo tutti a fare un tuffo

- Dario D'Angelo

Chiese gonfiabili: nate in Gran Bretagna, queste strutture si sono diffuse anche nel nostro Paese. Sono in tanti a decidere di sposarsi, e non solo, al loro iterno.

chiesa_gonfiabile_web_2017
Una chiesa gonfiabile

Sono nate in Inghilterra, stanno spopolando in tutta Europa e sono arrivate perfino in Italia. Parlare di moda potrebbe risultare profano, visto l’argomento, ma le chiese gonfiabili sono di gran lunga la novità più interessante degli ultimi tempi. Come riferisce Il Giornale si tratta di vere e proprie strutture “abitabili”, tenute in piedi da un compressore che riproduce altari, absidi e campanili. Se vi state chiedendo come abbiano fatto a diffondersi chiedete direttamente a Mike Gill, l’artista che una decina d’anni fa ne disegnò il primo prototipo (chissà poi perché). Il miracolo vero e proprio è stato quello di sviluppare una campagna pubblicitaria ad hoc, con tanto di voci che volevano la Regina Elisabetta in persona con una inflatable church per i giardini di Buckingham Palace. Da lì il business ha spiccato il volo, con la nascita di ditte specializzate che per 5 mila sterline sono in grado di montare e smontare un tempio gonfiabile. All’inizio venivano utilizzati soltanto per i matrimoni più originali. Poi si è cominciato ad usarli anche per battesimi, comunioni e cresime. E per quanto sia vero che le strade del Signore sono infinite, non possiamo fare a meno di domandarci se il fine (aprire le porte della “casa” di Dio) giustifichi i mezzi.

CHIESE GONFIABILI PER UNA CERIMONIA ORIGINALE

DOVE TROVARLE IN ITALIA

Se è vero che le chiese gonfiabili dei “ricchi” si trovano soprattutto nei giardini privati e quelle dei “poveri” nelle periferie delle grandi città, lo è altrettanto che soprattutto d’estate queste strutture si spostano in riva al mare. Ne sono l’esempio quelle delle Sentinelle del mattino, evangelizzatori cristiani guidati dal sacerdote veronese don Andrea Brugnoli, che per il suo attivismo nel mondo della chiesa si è fatto diversi nemici. Lui, però, è convinto della bontà della sua idea, come si può leggere sul portale delle Sentinelle:”Portiamo Gesù Eucaristia in riva del mare. Durante le missioni entrano in questa chiesa fino a mille fedeli”. Lunga 35 metri e larga 15, la chiesa comprende 6 moduli e un recinto (clicca qui per qualche foto):”Un enorme abside crea lo spazio per l’altare e la presenza di Gesù. All’ingresso c’è una bussola per impedire ai curiosi di vedere quel che avviene dentro. Per viverla occorre entrare nella nostra chiesa che, benché gonfiabile, è un vero e proprio tempio del Signore” .



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori