Liquefazione sangue San Gennaro/ Diretta streaming video, perché il sangue si scioglie? Cos’è la tissotropia

- Francesco Agostini

La festa di San Gennaro sarà ricordata il 19 settembre con numerose celebrazioni lungo tutto la città. Si aspetterà con ansia il miracolo dello scioglimento del sangue: ecco come seguirlo

Festa_di_San_Gennaro_2017
La festa di San Gennaro si terrà il 19 settembre 2017 (Focus.it)

Il Miracolo di San Gennaro, con lo scioglimento del sangue del Santo, è sicuramente uno dei momenti di maggior raccoglimento e condivisione della vita nella città partenopea. Forse non tutti sanno ancora qual è la dinamica che porta al compimento del miracolo: a livello chimico c’è comunque una meccanica chiara, anche se ovviamente la Fede non conosce ragioni e accetta il mistero del miracolo del sangue secco nelle ampolle, ma che nelle date prestabilite si scioglie, annunciando buoni auspici per la città partenopea, al contrario di quanto succede nelle rarissime volte in cui il miracolo non si è verificato. In uno studio pubblicato ormai un quarto di secolo fa sulla rivista “Nature”, si parla infatti del fenomeno della tissotropia, ovvero dei materiali che, per caratteristiche chimiche, diventano fluidi se sottoposti ad una sollecitazione meccanica.  “Le sostanze tissotropiche sono gelatine in grado di diventare più fluide, passando persino dallo stato solido a quello liquido, quando sottoposte a sollecitazioni meccaniche come vibrazioni o microurti, e che poi solidificano nuovamente quando tornano allo stato di riposo”. Questa la definizione sulla rivista, che comporterebbe però il fatto che vi sia una sostanza di tipo tissotropica nelle ampolle, come lo stesso sangue dopo una mutazione “alchemica”. (agg. di Fabio Belli) 

C’E’ IL MIRACOLO

Al grido di “Verranno tempi migliori”, la folla assiepata nella Chiesa cattedrale di Napoli ha accolto la notizia che il miracolo della liquefazione del sangue di San Gennaro era avvenuto. L’ufficialità si è avuta alle ore 10:05 di oggi, martedì 19 settembre, dopodiché come da tradizione un membro della Deputazione di San Gennaro ha sventolato un fazzoletto bianco dando il via libera ai festeggiamenti, tradottisi all’esterno anche con lo scoppio di fuochi d’artificio. Intanto, come riporta La Repubblica, il cardinale Sepe si è reso protagonista di un’omelia molto sentita, citando non a caso il dolore causato dai morti per il terremoto di Ischia, la recente tragedia della famiglia spezzata nella Solfatara di Pozzuoli e gli incendi che in estate hanno procurato vittime e danni ingenti. Sepe ha poi citato San Gennaro come esempio da seguire nell’approccio con i migranti:”Facciamo sentire tutti, come ci insegna il sangue del nostro Patrono, il calore della nostra vicinanza, della nostra solidarietà, della nostra umanità. Sono tutti egualmente pellegrini da avvicinare, da accompagnare, da aiutare anche solo con l’ascolto, con una carezza, con un sorriso, con un abbraccio”. (agg. di Dario D’Angelo)

SEPE, “SANGUE SCIOLTO”

San Gennaro ha fatto il miracolo: è questa la frase che si sente ripetere con maggiore frequenza tra i vicoli di Napoli a partire dalle 10:05 di oggi, 19 settembre, da quando cioè il cardinale Crescenzio Sepe, arcivescovo metropolita di Napoli, ha annunciato la liquefazione del sangue del martire. Sepe, come riporta La Stampa, ha precisato che “quando ho aperto la cassaforte, il sangue si era sciolto già”, aggiungendo durante la celebrazione nella Chiesa cattedrale il ringraziamento “al Signore che ha manifestato ancora una volta la sua bontà”. Presenti per la celebrazione, oltre a migliaia di fedeli e delegazioni di autorità religiose anche il sindaco, Luigi de Magistris, il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, e Luigi di Maio, fresco di candidatura alla premiership nel Movimento 5 Stelle. Qui sotto il video della celebrazione del miracolo della liquefazione del sangue di San Gennaro (agg. di Dario D’Angelo)

L’ULTIMA VOLTA SENZA MIRACOLO

C’è grande attesa a Napoli per la liquefazione del sangue di San Gennaro. Oggi, martedì 19 settembre, è infatti una delle 3 date dell’anno in cui i fedeli aspettano il miracolo del patrono partenopeo. Eppure è capitato diverse volte in passato che lo scioglimento del sangue racchiuso nelle ampolle non avvenisse. Per i napoletani si tratta di un segno infausto, dal momento che molte volte il mancato verificarsi del miracolo è stato sintomo di un cattivo presagio per la città. Ma quando è stata l’ultima volta che il sangue di San Gennaro non si è liquefatto? Non bisogna andare troppo indietro con la mente: era il 16 dicembre del 2016, dunque due appuntamenti col miracolo fa. In quel caso la delusione dei fedeli fu tanta, ma bastò che nella data successiva del 6 maggio il martire tornasse a fare il suo “dovere” per far dire al cardinale Sepe che “San Gennaro on ci abbandona mai”. (agg. di Dario D’Angelo)

LE MISURE DI SICUREZZA

Il giorno dello scioglimento del sangue di San Gennaro è sempre un momento importantissimo per Napoli, capace di raccogliere una grande folla. Così sarà anche quest’anno, ma le misure di sicurezza si moltiplicheranno, visto l’allarme terrorismo che ormai affligge tutta Europa nel corso delle grandi manifestazioni popolari. 200 agenti di polizia, carabinieri, vigili urbani, vigili del fuoco e Protezione Civile saranno dispiegati per garantire la sicurezza durante l’evento, e saranno allestiti anche quelli che sono noti come i jersey anti-sfondamento, barriere apposite per evitare che auto e camion possano dirigersi verso la folla. Tutto sarà organizzato nei minimi particolari, per garantire il massimo della sicurezza, intorno al Duomo, dove come di consueto si svolgerà la cerimonia nell’attesa del miracolo dello scioglimento del sangue di San Gennaro, e nelle zone limitrofe della città, con una particolare intorno alla zona del centro storico. (agg. di Fabio Belli)

COSA SUCCEDE QUANDO IL SANGUE NON SI SCIOGLIE E NON AVVIENE IL MIRACOLO?

Il miracolo di San Gennaro è uno dei momenti più attesi nella storia della vita cittadina di Napoli. Ma non sempre il miracolo ha risposto alle aspettative, e quando questo non è accaduto è sempre stato ritenuto come cattivo presagio per tutta Napoli. Basti pensare che l’ultima volta in cui il miracolo non si è verificato è stata nel 1980, quando la Campania è stata sconvolta dal terribile terremoto dell’Irpinia. E ancora il miracolo non è accaduto nel 1939 e nel 1940, gli anni dell’inizio della Seconda Guerra Mondiale, e quando nel 1943 l’Italia meridionale si ritrovò occupata dai nazisti. Senza dimenticare neppure il precedente del 1973, in cui il sangue non si è sciolto e Napoli fu letteralmente investita dall’epidemia di colera che ancora si ricorda. Al contrario, quando al momento dell’apertura della cassaforte il sangue fosse già sciolto, allora questo rappresenta un segno di ottimo auspicio, foriero di fortuna per Napoli. (agg. di Fabio Belli)

LA LIQUEFAZIONE DEL SANGUE DI SAN GENNARO IN DIRETTA STREAMING VIDEO E TV

In occasione di San Gennaro, il 19 settembre, per la città di Napoli, sarà un giorno di grande festa. Come ogni anno i partenopei aspettano con ansia il dispiegarsi di fronte ai loro occhi del grande miracolo relativo allo scioglimento del sangue. La città sarà in fermento per un miracolo che, almeno in teoria, dovrebbe capitare tre volte l’anno: il sabato precedente alla prima domenica di maggio, il 19 settembre (appunto) e il 16 dicembre. Il famoso sangue di San Gennaro si trova all’interno di un’ampolla conservata nella Cappella del Tesoro di San Gennaro, che è di proprietà dell’intera città di Napoli e non della Curia. Le celebrazioni per San Gennaro inizieranno già nella giornata di oggi, precisamente alle 16:30. Per la festa, come da tradizione, ci sarà l’omaggio ai Caduti, la celebrazione dei Primi Vespri e l’immancabile processione. A coronazione del tutto vi sarà anche l’apertura della cassaforte contenente le ampolle con il sangue del santo. Queste, poi, verranno offerte ai fedeli napoletani, affinché possano osservarle e venerarle. Per tute le info su come seguire anche non da Napoli alla diretta del possibile miracolo della liquefazione, le modalità sono due principalmente: su Canale21, tv locale partenopea, è possibile seguire la diretta live con anche streaming video live sul sito del network campano. È invece disponibile solo online la diretta streaming video su MariaTv, già dalle prime funzioni di questo pomeriggio con l’intera celebrazione del miracolo di San Gennaro. 

IL MIRACOLO DI SAN GENNARO

La figura di San Gennaro è estremamente importante per capire la profonda radice cattolica della nostra cultura italiana. Come tanti altri santi, anche San Gennaro è famoso per i suoi miracoli avvenuti lungo l’arco della sua vita e che lo contraddistinguono. Fonti antiche asseriscono che il santo fu torturato dal mavagio giudice Timoteo incontrato a Nola, perché aveva iniziato a fare proseliti cristiani tra la popolazione. Le torture ricevute, però, non ebbero alcun effetto su Gennaro. Il santo fu allora gettato in una fornace ardente ma anche le fiamme non avrebbero attecchito su di lui, così come le fiere, a cui fu dato in pasto, non lo uccisero. C’è da dire, comunque, che la storia ricalca praticamente passo passo quella del profeta Daniele raccontata nella Bibbia. Alla fine, San Gennaro fu decapitato e il suo sangue fu rinchiuso in due ampolle da una donna di nome Eusebia. Secondo la tradizione le due ampolle date ai fedeli ancora oggi, sarebbero proprio quelle raccolte da Eusebia.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori