Rimini, non vuole suocera in casa: pesta moglie a sangue/ Le provoca distacco della retina a pugni in faccia

- Silvana Palazzo

Rimini, non vuole suocera in casa: pesta moglie a sangue e le provoca il distacco della retina a pugni in faccia. Arrestato, è stato condotto in carcere

violenza di gruppo violenza di gruppo

Non vuole la suocera in casa, quindi se la prende con la moglie: la pesta a sangue e le stacca la retina. La violenta aggressione è avvenuta a Rimini, dove un uomo di 64 anni è stato arrestato dai carabinieri con l’accusa di maltrattamenti in famiglia. «Sei una donna inutile, sei matta come tuo padre». Così il marito si è rivolto alla donna prima di prenderla a pugni, come riportato dal Resto del Carlino. L’ha colpita così forte da staccarle la retina di un occhio. Per la moglie è stata una convivenza da incubo: per anni è stata vittima del marito violento. Quest’ultimo non si è fatto neppure scrupolo di picchiarla davanti al figlio, anche quando questo era ancora minorenne. Più di una volta il figlio ha provato a strappare la madre dalla furia scatenata del padre. Negli ultimi mesi la donna ha cominciato a prendere coscienza che quella non era una vita, quindi aveva cominciato a ribellarsi, senza però trovare il coraggio di andarsene.

NON VUOLE SUOCERA IN CASA: PESTA MOGLIE A SANGUE

In qualche modo la donna si era “separata” dal marito. Lui aveva capito che qualcosa era cambiato, e così le cose sono peggiorate ancora di più. Da quando la madre di lei era andata ad abitare con loro, nell’agosto scorso, la situazione è precipitata. La suocera doveva fermarsi solo qualche settimana, ma poi era rimasta. L’uomo non sopportava la sua continua presenza, e ogni giorno erano liti e percosse alla moglie. Neppure all’anziana suocera risparmiava insulti pesanti. Una settimana fa si è verificata l’aggressione più violenta: l’uomo ha preso a pugni la moglie centrandola in piena faccia. Il figlio si è messo in mezzo, cercando di bloccare il padre, ma i colpi alla donna erano comunque arrivati. Costretta a rivolgersi al pronto soccorso, i medici le hanno accertato il distacco della retina dell’occhio. Sabato sera l’ultima lite, con un epilogo inaspettato: la donna ha chiamato i carabinieri e il giorno dopo è andata in caserma a sporgere denuncia. I carabinieri, coordinati dal sostituto procuratore Davide Ercolani, lo hanno arrestato e condotto in carcere.





© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultime notizie di Cronaca

Ultime notizie