Torino, senegalese insultato e picchiato da 5 ragazzi/ Razzismo, la vittima: “Mi urlavano ‘torna a casa tua’”

- Carmine Massimo Balsamo

Torino, senegalese insultato e picchiato da 5 ragazzi. Episodio di razzismo ad Avigliana, la vittima: "Mi urlavano 'torna a casa tua'"

pape bassirou tine torino 2018 facebook 640x300 Avigliana, Pape Bassirou Tine vittima di aggressione razzista (Facebook)

Dopo quanto accaduto su un treno Milano-Trieste e a Trento, un altro brutto episodio di razzimo registrato ad Avigliana, provincia di Torino. Vittima Pape Bassirou Tine, ventenne senegalese residente ad Almese: ieri, lunedì 17 dicembre 2018, il giovane calciatore è stato aggredito davanti al Caffè Stazione, in corso Laghi e vicino alla stazione ferroviaria. Pape ha presentato questa mattina denuncia alla stazione dei carabinieri, con gli agenti giunti sul posto immediatamente dopo l’accaduto. «Mi hanno urlato ‘negro di merda, torna a casa tua’, poi mi sono avvicinato per chiedere spiegazioni. Uno mi ha colpito con un pugno, un altro con un bicchiere di vetro» le parole del 20enne, che gioca a calcio nel San Maurizio Canavese (campionato di Promozione) come centrocampista, riporta Torino Today.

IL SENEGALESE: “CHIEDO SOLO SIA FATTA GIUSTIZIA”

Secondo una primissima ricostruzione, fatta grazie al racconto del ragazzo e dei testimoni presenti al momento dell’accaduto, gli aggressori sarebbero cinque-sei italiani, più o meno suoi coetanei. Pape si è recato all’ospedale di Rivoli per farsi medicare: ha perso sangue a causa dei colpi ricevuti ma si rimetterà presto. Torino Today riporta un altro passaggio delle parole del senegalese, che ora chiede giustizia: «Chiedo solo che giustizia sia fatta perché siamo nel 2018 e non permetto a nessuno di sottovalutarmi. Siamo tutti esseri umani. Sembra che siano solo gli stranieri a commettere crimini, ma non è così». Attesi aggiornamenti nelle prossime ore dalle indagini dei carabinieri, a caccia ora degli aggressori razzisti che hanno malmenato e insultato il promettente calciatore.





© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultime notizie di Cronaca

Ultime notizie