RICEVONO CESTI DI NATALE DALL’AZIENDA: LICENZIATI DUE ORE DOPO/ Varese, in 40 restano disoccupati: il caso

Ricevono cesti di Natale dall’azienda: licenziati due ore dopo. Varese, in 40 si ritrovano senza lavoro sotto le feste: i motivi della decisione e le proteste

26.12.2018 - Dario D'Angelo
Ricevono cesti di Natale, subito dopo licenziati (foto da Facebook)

Alzi la mano chi, dopo aver ricevuto un cesto di Natale dalla propria azienda, si aspetterebbe di essere licenziato. Incredibile ma vero, è proprio quello che è successo a 40 dipendenti di un’azienda di Varese, la “Hammond Power Solutions” di Marnate specializzata nella produzione di trasformatori elettrici, che hanno ricevuto la lettera che gli annunciava la perdita del posto di lavoro due ore dopo essersi visti recapitare sulle scrivanie il cesto di Natale. A riportare l’accaduto, verificatosi la settimana scorsa, quindi qualche giorno prima di Natale, è stato uno dei padri di famiglia destinatari licenziati con effetto immediato, tramite un post pubblicato sui social. A comunicare il provvedimento è stato il Ceo della “Hammond Power Solutions” in persona: l’azienda, una volta Elettromeccanica Marnatese, è attiva sul territorio da oltre 30 anni ma sei anni fa è passata nelle mani di un gruppo canadese.

RICEVONO CESTI DI NATALE DALL’AZIENDA: LICENZIATI DUE ORE DOPO

Nel mirino dei dipendenti che hanno perso il lavoro dopo aver ricevuto il cesto di Natale dall’azienda è finita proprio la multinazionale canadese. Ai cancelli esterni dell’azienda di Marnate sono stati esposti tre striscioni indirizzati proprio al Ceo che ha cominciato il licenziamento: “Dal Canada sei arrivato”, “In 5 minuti ci hai licenziato”, “Buon Natale!”. Come riportato da Il Giornale, i sindacati dei lavoratori avevano in programma un incontro con i dirigenti per discutere del contratto, mentre ora all’inizio del nuovo anno si troveranno a dover negoziare con la società la nuova situazione. Alla base della decisione di licenziare i 40 dipendenti, secondo fonti locali, vi sarebbe un cambio di strategie della casa madre, che in Italia oltre allo stabilimento di Marnate opera anche a Meledo, nel Vicentino.



© RIPRODUZIONE RISERVATA