Saldi invernali 2019/ Allarme Codacons: “Si preannuncia un flop per le vendite”

Saldi invernali 2019, il Codacons: “Si preannuncia un flop per le vendite”. Secondo Rienzi ” appaiono inutili e obsoleti e andrebbero eliminati del tutto”.

30.12.2018 - Carmine Massimo Balsamo
Saldi_Shopping_Lapresse
Saldi invernali 2019 (Foto da LaPresse)

Saldi invernali 2019, è tutto pronto per il momento tanto atteso: nel weekend dell’Epifania prenderà ufficialmente il via la corsa agli sconti le cui date sono state ufficializzate in un fitto calendario regione per regione, con partenza dalla Basilicata e chiusura in Campania. Secondo il Codacons però non verrà invertito un trend di calo oramai consolidato negli ultimi anni: le previsioni ufficiali sulla propensione delle famiglie all’acquisto nel periodo di sconti di fine stagione evidenziano che «anche nel 2019 ci sarà una pesante flessione degli acquisti, pari a circa il -7% su anno e una spesa media a famiglia che scende a quota 157 euro», riporta Tg Com 24.

SALDI INVERNALI 2019, L’ALLARME DEL CODACONS

Il presidente Carlo Rienzi ha provato a spiegare i motivi di questa previsione: «I saldi invernali non basteranno a risollevare le sorti del commercio. Si preannuncia un flop per le vendite perché da un lato la data di partenza delle promozioni al termine delle feste natalizie e di Capodanno è assolutamente inadeguata, avendo le famiglie già svuotato i portafogli tra regali e spese alimentari; in secondo luogo i consumatori hanno modificato profondamente le proprie abitudini, spostando gli acquisti verso l’e-commerce che registra crescite delle vendite a due cifre e che può godere di sconti liberi tutto l’anno». Il numero uno di Codacons ha poi aggiunto: «In tale contesto i saldi di fine stagione appaiono inutili e obsoleti e andrebbero eliminati del tutto, per fare posto sia a iniziative come il “black friday” che registrano il grande favore dei consumatori, sia alla liberalizzazione degli sconti, lasciando agli esercenti la facoltà di scegliere quando e come scontare la propria merce».



© RIPRODUZIONE RISERVATA