NEGLI USA PER FESTEGGIARE I 50 ANNI/ Incidente mortale in Harley Davidson: lascia una moglie e tre figli

Padre di tre figli muore in moto nel viaggio Coast to Coast. Enrico Marafatto stava festeggiando in California i suoi 50 anni quando si è scontrato contro un’auto sulla Highway 1

motociclista_morto_2018
Enrico Marafatto morto in California - Youtube

Pare essere abbastanza chiara la dinamica dell’incidente che, nella giornata di ieri, è stata fatale al 50enne Enrico Marafatto, architetto originario di Mestre che era negli States per il più classico dei “coast to coast” in sella alla sua Harley Davidson: l’uomo era noto nella sua comunità e c’è sgomento tra amici e parenti perché l’architetto voleva festeggiare la speciale ricorrenza con uno dei viaggio che molti sognano e anche perché la sua tragica morte, avvenuta sulla Highway 1 nella Contea di Santa Barbara (California), lascia sola la sua compagna e anche i tre figli della coppia. Inoltre, in base al rapporto fornito dal locale Dipartimento dello sceriffo, per Marafatto non ci sarebbe stato nulla da fare subito dopo il violento impatto con un mezzo che proveniva dalla direzione opposta e che l’ha sbalzato dalla sua moto sull’asfalto. Intanto, come si apprende da fonti di stampa locali, sono già state avviate le pratiche per il ritorno della salma nel nostro Paese affinché possano essere celebrati i funerali nella chiesa di Campato, località dove la famiglia Marafatto risiede. (agg. R. G. Flore)

LA DINAMICA DELL’INCIDENTE 

Arrivano aggiornamenti dagli Stati Uniti circa la morte di Enrico Marafatto, noto architetto di Mestre, morto in California mentre stava festeggiando i suoi 50 anni con un classico coast to coast. Come riportato da alcuni media americani, sull’Highway 1, in California, all’altezza di Lompoc, un’auto ha invaso la corsia a fianco all’altezza di una curva, per cause ancora da accertare, centrando in pieno l’italiano. Alla guida vi era una donna di 62 anni, e il passeggero, un uomo di 69 anni (forse il marito), è rimasto gravemente ferito durante lo scontro. Purtroppo, ad avere la peggio, il nostro connazionale, che è stato sbalzato dalla sua Harley Davison, morendo sul colpo. Doveva essere una festa il suo viaggio negli Stati Uniti, un Coast to Coast con la sua moto, trascinato solo dal vento e dalla gioia, ma purtroppo si è trasformato in una tragedia, con l’uomo che non farà più ritorno nella sua famiglia, dalla moglie di 44 anni, e dai suoi tre figli. Sconvolta la comunità di Campalto, dove lo stesso Marafatto era molto conosciuto. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

MORTO UN ARCHITETTO ITALIANO IN CALIFORNIA

Tragico destino quello di Enrico Marafatto. L’architetto di Mestre, molto noto nel veneziano, era partito per gli Stati Uniti, visto che, per i suoi 50 anni, aveva deciso di regalarsi lo spettacolare Coast to Coast, il viaggio dalla costa est alla costa ovest, a bordo della sua motocicletta. Peccato però che domenica pomeriggio lo stesso Enrico abbia perso la vita. Si trovava in California, sulla Highway 1, all’altezza di Lompoc, quando la sua moto si è scontrata violentemente contro una Ford Explorer, un suv. Secondo quanto riferito dai media locali americani, pare che Marafatto abbia sbandato all’altezza di una curva, finendo appunto contro l’auto che sopraggiungeva sull’opposto senso di marcia.

UN PROFESSIONISTA STIMATO E CONOSCIUTO

Nello scontro l’architetto italiano è stato sbalzato lontano dal proprio mezzo, mentre John Curtis, seduto a fianco del guidatore, ha subito delle gravi lesioni. Sull’automobile viaggiavano anche due ragazze di 14 e 15 anni, che hanno però riportato solo lievi ferite, così come l’autista, Darlene Curtis di 67 anni. Tutti e quattro sono stati portati all’ospedale di Santa Barbara, mentre per l’italiano non c’è stato nulla da fare. La tragedia è giunta solamente nella giornata odierna a Favaro Veneto, la periferia di Mestre dove Marafatto viveva e gestiva uno studio professionale di architettura. Come detto prima, era un professionista molto stimato e conosciuto, consulente urbanista per la Fondazione Querini Stampalia e aveva partecipato a numerosi e importanti progetti di sviluppo del territorio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori