Paziente psichiatrico aggredisce 2 donne medico / Ultime notizie, pugni e schiaffi in ospedale a Napoli

- Matteo Fantozzi

Paziente psichiatrico aggredisce 2 donne medico, ultime notizie: pugni e schiaffi a Napoli in ospedale, queste hanno riportato numerosi traumi e contusioni. Ecco cosa è successo.

chirurgia_ospedale_pixabay
Siena, neonata muore poche ore dopo parto(Pixabay)

A Napoli è scoppiata la violenza direttamente dentro un ospedale dove un paziente psichiatrico ha aggredito due donne medico colpite a pugni e schiaffi. Queste hanno riportato traumi vari e contusioni anche se non sono in pericolo di vita. Ci troviamo all’interno dell’ospedale San Giovanni Bosco appunto a Napoli dove un uomo di cura presso un servizio di igiene mentale ha scatenato tutta la sua violenza su due donne. L’uomo in questione è stato colpito da un vero raptus dopo la resistenza dei medici che voleva obbligare a visitarlo senza aspettare il suo turno. La prima dottoressa ha riportato un trauma alla caviglia curabile in tre settimane, mentre il secondo ha ricevuto una prognosi di dieci giorni. Sul posto ovviamente è intervenuta la Polizia di Stato che ha denunciato l’aggressione come riportato da Ansa. L’uomo è in cura nel quartiere di Scampia presso il servizio di igiene mentale.

FOLLIA IMPREVEDIBILE

Il gesto di un paziente psichiatrico all’interno dell’Ospedale San Giovanni Bosco di Napoli ha lasciato tutti senza parole anche perché arrivato al termine di un’esplosione imprevedibile. L’uomo ha aggredito le due dottoresse perché queste non lo volevano visitarlo, facendogli superare la coda senza aspettare il suo turno. E’ stata una situazione difficile da prevedere o ancor meglio imprevedibile che ha portato a pesanti conseguenze. Per fortuna però le due donne non hanno riportato dei danni pericolosi per la loro salute anche se entrambe sono state costrette alle cure mediche. Sicuramente sarà importante valutare la posizione dell’uomo che è stato denunciato e ora rischia di dover scontare alcune situazioni delicate. L’attenuante della condizione psichiatrica però potrebbe evitargli complicazioni eccessive.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori