Napoli, abusa di due bimbe mentre è ai domiciliari: arrestato/ Ultime notizie Qualiano: dettagli inquietanti

Napoli, abusa di due bimbe mentre è ai domiciliari: arrestato 43enne. Ultime notizie, Qualiano: denuncia partita dalle madri, “particolari inquietanti”

violenza_bambini_pixabay_2017
Immagine di repertorio (Pixabay)

Napoli, abusa di due bimbe mentre è ai domiciliari: arrestato un uomo di 43 anni. La terribile vicenda ha avuto luogo a Qualiano: l’uomo era agli arresti domiciliari per scontare una pena per abusi sessuali ma nonostante ciò avrebbe commesso ripetute violenze su due bambine rispettivamente di 11 e 12 anni. Tg Com 24 sottolinea che i fatti sono accaduti nel maggio 2018, con le indagini che sono state avviate in seguito alle denunce presente dalle madri delle due piccole. Sono diversi gli episodi in questione, con i militari che hanno eseguito l’ordinanza di custodia cautelare in carcere per il quarantatrenne. Ascoltate in audizione protetta, le due bambine hanno confermato il racconto delle madri e hanno aggiunto dei particolari definiti “inquietanti”.

QUALIANO, ABUSI SESSUALI SU DUE BAMBINE

Carmine Ronzulli, il procuratore aggiunto, ha sottolineato in una nota: “Particolarmente allarmante è apparso agli inquirenti l’apporto narrativo delle parti lese che delineava il ripetersi sistematico di violenze con le quali le minori erano costrette a subire atti sessuali in più occasioni, approfittando dell’inferiorità psichica delle piccole vittime”. Il Mattino infatti evidenzia che il quarantatrenne approfittava del fatto che le due bambine erano facilmente manipolabili e solo la scoperta delle due mamme ha permesso di smascherare gli abusi sessuali. Come dicevamo, sul capo dell’uomo pende l’accusa per abusi sessuali nei confronti delle due piccole, reato per cui è già stato condannato. Gli episodi di violenza si verificavano sul pianerottolo di casa oppure in qualche anfratto del palazzo, decisivi i sospetti nutriti dai genitori delle ragazzine, in un primo momento restie a confessare perché terrorizzate dall’uomo e dalle possibili conseguenze. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori