Vittorio Mazzucato, morto di stenti con il cane e 2 Ferrari/ La triste fine dell’imprenditore padovano

Vittorio Mazzucato, morto di stenti con il cane e 2 Ferrari d’epoca. La triste fine dell’imprenditore padovano

11.01.2019, agg. il 12.01.2019 alle 10:13 - Dario D'Angelo
Carabinieri Napoli, immagini di repertorio
Carabinieri, immagini di repertorio

Vittorio Mazzucato è stato trovato morto mercoledì pomeriggio, nella sua villa ormai fatiscente di via Facciolati 37 a Padova. Accanto a lui, il corpo senza vita del fido cagnolino, uno yorkshire che come il padrone è morto probabilmente di stenti. Una storia particolare quella del 74enne ex imprenditore padovano, che è passato dai fasti miliardari degli anni ’80, alla vendita negli anni ‘90, e alla successiva morte in povertà. Nessuno si sarebbe potuto aspettare tale tragico epilogo quando ha iniziato a lavorare per l’azienda di famiglia di floro-vivai negli anni ’60, ereditandola poi alla morte dei suoi genitori. A inizio anni ’90 la decisione di cedere la stessa azienda, la Serra Italia, che produceva fiori e piante, con annessa cessione anche della sua quota dello storico negozio in centro. Nel 2000, la morte della sorella, che di fatto lo aveva lasciato solo. Due eventi che hanno profondamente segnato la vita di Vittorio, che ha iniziato a lasciarsi andare anche perché non si era mai sposato, non aveva figli e nemmeno parenti. Di pari passo alla sua depressione, il patrimonio dei Mazzucato andava in fumo fra ipoteche di banche e tribunali: le era rimasta solo quella villa, con due auto d’epoca (forse due Ferrari) e il suo fido amico. Nessuno saprà mai la sua vera storia. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

VITTORIO MAZZUCATO, UN IMPRENDITORE CADUTO IN ROVINA

Vittorio Mazzucato, erede della storica azienda Serre Italia Mazzucato di Padova, trovato morto all’interno del garage della sua villa nel capoluogo euganeo, che da ormai diversi anni versava in uno stato d’abbandono senza luce, acqua e gas. Come riportato dal Corriere del Veneto, il 74enne è stato rinvenuto con indosso guanti, cappello e cappotto per ripararsi dal freddo, accanto a due auto d’epoca e soprattutto vicino al suo inseparabile cane yorkshire, anche lui senza vita. L’animale con ogni probabilità è morto di stenti insieme al padrone. Al momento l’ipotesi che filtra dagli inquirenti è quella di una morte naturale: Vittorio Mazzucato sarebbe stato stroncato infatti da un malore. L’uomo, caduto in rovina da tempo, dalla morte della sorella, avvenuta nel 2000, ha continuato a vivere da solo in condizioni sempre più precarie.

VITTORIO MAZZUCATO TROVATO MORTO

Una fine a dir poco malinconica quella di Vittorio Mazzucato, morto con la sola compagnia del suo cane, lo yorkshire che ha condiviso lo stesso destino dell’amato padrone. Il ritrovamento del corpo dell’erede della storica azienda di Padova, Serre Italia Mazzucato, è avvenuto nel pomeriggio di oggi, venerdì 11 novembre, dopo che il cugino della vittima ha dato l’allarme. L’uomo si è infatti preoccupato perché da tempo non aveva notizie di Vittorio Mazzucato e per questo motivo ha allertato le forze dell’ordine: gli agenti si sono dunque recati presso il domicilio del 74enne, che giaceva accanto a due auto d’epoca e alla cuccia del cane. Come riportato dal Corriere del Veneto, Mazzucato dopo aver ereditato l’attività di florovivaismo dai genitori, ha vissuto nel benessere fino all’inizio degli anni Novanta, quando l’azienda di famiglia aveva cessato l’attività.

© RIPRODUZIONE RISERVATA