Milano, spari contro un bar gestito da cinesi/ Cinque proiettili ma nessun ferito, in fuga l’assalitore

- Fabio Belli

Milano, spari contro un bar gestito da cinesi. Cinque proiettili contro l’esercizio ma nessun ferito, in fuga l’assalitore

polizia_parma
La madre aveva denunciato la scomparsa alla polizia

Cinque colpi d’arma da fuoco sono stati sparati verso un bar in via Ciceri Visconti, in zona Calvairate, a Milano, gestito da esercenti cinesi. Fortunatamente l’assalto, dalle prime informazioni emerse, non avrebbe provocato feriti ed è avvenuto intorno alle ore 21 di martedì 8 gennaio. Il gestore del locale era all’interno del bar al momento dell’assalto, gli investigatori non sono però ancora certi che fosse lui il destinatario dei colpi di pistola, che fortunatamente non lo hanno raggiunto. Non è chiaro se l’aggressione sia stata un avvertimento o se effettivamente si sia cercato di uccidere o ferire qualcuno, l’orario e il bar praticamente deserto hanno aiutato ad evitare una possibile strage.

ASSALITORE IN FUGA A PIEDI

Dopo le segnalazioni e l’allarme scattato dopo che gli spari sono arrivati a destinazione, la polizia è immediatamente intervenuta e ora sta lavorando per ricostruire la dinamica dell’assalto armato. Come detto, da quanto emerso dalle prime rilevazioni, sarebbero almeno cinque i proiettili esplosi, uno dei quali si è conficcato in un’auto in sosta nei pressi del bar di via Ciceri Visconti. Le prime testimonianze, anche del gestore del bar, non hanno chiarito quali potessero essere i motivi che hanno portato all’aggressione armata, al momento non sono emerse segnalazioni di minacce precedentemente rivolte al barista. L’assalitore è fuggito dopo aver sparato, la polizia è alla sua ricerca ma al momento non ci sono elementi che possano portare alla sua identificazione, anche se si stanno raccogliendo le testimonianze per riuscire a ricostruire l’oscura vicenda.



© RIPRODUZIONE RISERVATA