ROMA, LADRO IN FUGA DA POLIZIA MUORE SBATTENDO LA TESTA/ Caduta su cemento: rumeno tentava furto d’auto

Assurdo incidente alla Magliana, Roma: ladro inseguito dalla polizia dopo furto d’auto, cade su terreno scivoloso, sbatte la testa su cordolo di cemebto e muore sul colpo

08.01.2019, agg. alle 14:37 - Niccolò Magnani
bimba rom cagliari
Immagine di repertorio (Facebook)

Ancora non è stato identificato il 33enne rumeno che dopo un furto d’auto questa notte ha tentato di fuggire finendo nel beffardo e tragico destino di scivolare in strada e battere mortalmente la testa: pare che il ladro all’altezza di Via Salvatore Rebecchini (in zona Magliana) abbia impattato prima sul marciapiede con l’auto che stava rubando, poi nella fuga a piedi è scivolato in un terreno erboso sbattendo la testa, drammaticamente, su di un cordolo di cemento presente tra le sterpaglie scivolose. Insomma, una dinamica tanto semplice quanto fatale per il 33enne che veniva inseguito a distanza dalla polizia dopo la segnalazione del furto in corso sempre nel quartiere Magliana alla periferia della Capitale.

ROMA: FUGGE DA POLIZIA, SCIVOLA E SBATTE LA TESTA: LADRO MORTO SUL COLPO

Tragedia nella notte alla Magliana, a Roma, dove un ladro in fuga dalla polizia ha sbattuto la testa scivolando e purtroppo è morto sul colpo: il dramma viene raccontato dalla pattuglia di polizia che ieri notte ha sorpreso un rumeno di 33 anni mentre stava effettuando un furto d’auto. Una società di vigilanza, tramite il satellitare, è riuscita ad intercettare il furto e ha avvisato la polizia: lì comincia l’inseguimento con il fine tragico di un incidente, pare, dai tratti davvero assurdi. In un primo momento infatti il ladro ha perso il controllo della macchina finendo contro il marciapiede: non potendo più proseguire a bordo dell’auto rubata, ha deciso di scappare a piedi in un terreno di campagna sempre lì vicino alla Magliana. Purtroppo lo stesso criminale, imboccando per sbaglio un vicolo cieco, si è messo a correre su un terreno scivoloso: è caduto di corsa e ha sbattuto la testa, di fatto morendo sul colpo per la violenza dell’impatto.

LA DINAMICA DELL’ASSURDO INCIDENTE

La pattuglia della polizia, allertata dalla società di vigilanza privata, ha intercettato il veicolo rubato sul quale viaggiava il malvivente ed è iniziato l’inseguimento: dopo non hanno potuto fare altro che constatare a poca distanza la dinamica assurda dell’incidente successivo al furto, con tanto di chiamata al 188 per cercare di salvare la vita al 33 rumeno. Nulla da fare, i medici hanno potuto solo constatare il decesso del ladro: sul posto gli uomini della polizia scientifica e i vigili urbani, mentre si prova a capire se l’esatta dinamica raccontata sia effettivamente quella avvenuta nel trambusto avvenuto in piena notte alla periferia di Roma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA