Incendia casa a Ostia, morta carbonizzata la madre/ Arrestata 50enne piromane

- Niccolò Magnani

Tragedia ad Ostia, 50enne appicca incendio in casa ma la madre rientra: viene trovata morta carbonizzata, la figlia invece arrestata poche ore dopo

Incendio ad Ostia
Incendio sulla Ostiense, frame dei Vigili del Fuoco (Twitter, 2019)

Ha dato fuoco alla casa mentre era in casa da sola, ma purtroppo l’anziana madre è rientrata per prendere alcuni oggetti ed è rimasta incastrata finendo poi morta carbonizzata: una tragedia assurda avvenuta ad Ostia, nella periferia “complicata” di Roma, anche se stavolta pare che la criminalità organizzata locale non c’entri nulla. È avvenuto tutto ieri sera con i vigili del fuoco che sono riusciti a spegnere le fiamme solo dopo qualche ora, scoprendo poi una vittima carbonizzata: pare che responsabile di tutto sia una 50enne con disturbi psichici nonché piromane, trovata poi a vagare per strada qualche ora dopo aver appiccato l’incendio. Il dramma è avvenuto in Via delle Azzorre al secondo piano di un piccolo condominio popolare con 12 appartamenti: sono stati ovviamente tutti evacuati ma per fortuna i danni sono rimasti solo all’interno della casa incendiata senza causare ulteriore gravi conseguenze per gli altri inquilini condomini. I Vigili in serata hanno poi effettuato le varie verifiche sulla stabilità della palazzina prima di far rientrare tutti nelle proprie case una volta scampato il pericolo.

ARRESTATA 50ENNE PIROMANE MENTRE VAGAVA AD OSTIA

Resta però la tragedia con un arresto inevitabile avvenuto non appena la 50enne piromane è stata trovata vagare per le strade di Ostia: la vittima è la madre anziana di 80 anni, originaria di Torre del Greco, trovata carbonizzata una volta entrati i Vigili del Fuoco nell’appartamento incendiato. Come spiega il Quotidiano.net, una coppia di coniugi che abita nell’appartamento al terzo piano è stata portata all’ospedale ‘Grassi’ con sintomi da intossicazione da fumo. Pare che la donna 50enne che ha appiccato il fuoco fosse stata proprio di recente denunciata per i vari comportamenti vessatori contro la madre ed è anche per questo che subito gli investigatori hanno diretto le proprie ricerche contro la figlia, accusandola di aver provocato volontariamente, al netto dei disturbi psichici che andranno ovviamente valutati, l’incendio nella propria casa. Il problema è però stato che la madre, ancora non si sa per quale motivo, sia entrata in casa dopo l’incendio e dunque forse originariamente la 50enne non aveva alcuna intenzione di uccidere la propria madre ma solo dare istinto al proprio impulso piromane. Tutto quanto, ovviamente, andrà verificato dai magistrati e forze dell’ordine.



© RIPRODUZIONE RISERVATA