TERREMOTO COLOMBIA/ Scossa di 7 gradi nella regione di Narino, al confine con l’Ecuador

- La Redazione

Una violentissima scossa di terremoto ha colpito, questa mattina, la Colombia. L’epicentro è stato identificato nella regione di Narino, uno dei 32 dipartimenti del Paese,

sisma1R450
(Infophoto)

Una violentissima scossa di terremoto ha colpito, questa mattina, la Colombia. L’epicentro è stato identificato nella regione di Narino, uno dei 32 dipartimenti del Paese, situato nella zona sudoccidentale, proprio al confine con l’Ecuador. La scossa, a quanto rileverebbe la Rete Sismologica Nazionale, avrebbe avuto un’intensità di 6.9 gradi di magnitudo anche se secondo le apparecchiature del nostro Istituto nazionale di Geofisica a Vulcanologia  sarebbe stata lievemente più alta, di magnitudo 7. Il terremoto, in particolare, si è prodotto a 6 km da Yacuanquer, ed è stato registrato alle 9.18 locali, le 15.18 in Italia. Il suo ipocentro è stato fissato ad una profondità di 91 chilometri, alle coordinate 1.08°N, 77.34°O. Il fenomeno sismico è stato distintamente avvertito da gran parte della popolazione, fino alla capitale, Bogotà e fino a Quito, capitale dell’Ecuador, a circa 200 chilometri dall’epicentro. Le telecamere della tv nazionale hanno registrato numerose scene di panico, con la folla riversa nella strade nel timore che le proprie abitazioni gli crollassero addosso. Nonostante la scossa sia stata di forte intensità, non sarebbero stati segnalati danni di particolare entità a persone o a cose. Almeno, a quanto ha riferito il direttore dell’Unità per la Gestione dei Rischi, Carlos Marquez. In ogni caso, numerose case e palazzi sono stati evacuati per precauzione. In alcune città, quali Cali, si sono viste delle crepe nelle parei di alcuni edifici. Paulo Cesar Rodriguez, sindaco della città di Tuquerres, nei pressi dell’epicentro del sisma, ha fatto sapere che la scossa è stata chiaramente sentita, e che è durata molto tempo. Anche lui ha confermato che non ci sarebbero notizie di vittime. Sembra,  tuttavia, a quanto ha riferito il segretario del governo Jaime Rodriguez, che nella provincia di Narino, alcuni funzionari locali abbiano raccontato che tre persone che si trovavano nella città di El Charco, lungo la costa del Pacifico, sarebbero state colpite da delle tegole staccatesi dai tetti in seguito alla vibrazione. Gli stessi funzionari, tuttavia, avrebbero rassicurato sul fatto che non ci sono stati feriti gravi.

E’ stata attività la cellula di crisi a livello nazionale mentre, attualmente, non è stato lanciato alcun allarme tsunami dall’Alaska Tsunami Warning Center



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori