TERREMOTO/ Oggi in Italia e nel mondo le scosse, magnitudo e comuni coinvolti. Martedì 1 aprile 2014 (alle ore 18.25)

- La Redazione

I terremoti di oggi in Italia, martedì 1 aprile 2014. Continia lo sciame sismico in Umbrai, dove diverse scosse hanno superato la soglia di percezione (2 mg). Ecco tutti i dettagli

sismografo_new_r439
Sismografo (Fonte Infophoto)

Altre due scosse sono state registrate oggi in provincia di Perugia. La prima è stata di magnitudo 2.2 e si è verificata alle 13.20 nell’area del Metauro, a pochi chilometri di distanza dal comune di Pietralunga, mentre la seconda è stata rilevata alle 14.46 vicino a Gubbio con una magnitudo di 2.1 gradi. Gli altri comuni interessati, ma più distanti dall’epicentro, sono quelli di Cagli (Pu), Cantiano (Pu), Costacciaro (Pg), Scheggia e Pascelupo (Pg), Sigillo (Pg). Per quanto riguarda gli altri eventi sismici avvenuti nel mondo e registrati dallo United States Geological Survey (USGS), vediamo che una forte scossa di 4.1 gradi di magnitudo è stata registrata poco fa a 165 chilometri a Est di Iwaki, città giapponese della prefettura di Fukushima.

Continua a tremare la terra in Umbria, regione estremamente soggetta ai moti tellurici. Diverse (e intese) le scosse in mattinata, ma anche questo pomeriggio l’Istituto Nazionale di Geofisica e di Vulcanologia ha individuato un sisma che ha superato la soglia di percezione, fissata a 2 mg. Alle 14.31 un terremoto di 2.1 mg ha interessato il distretto sismico del bacino di Gubbio: l’epicentro del moto è stato rilevato a 4.3 chilometri di profondità e alle seguenti coordinate geografiche: 43.3817°N, 12.5483°E. Entro i 10 km dall’epicentro l’unica città ad essere coinvolta è Gubbio (Pg), mentre nel raggio compreso tra i 10 e i 20 km ecco Costacciaro, Pietralunga, Scheggia-Pascelupo e Sigillo (sempre in provincia di Perugia), mentre in provincia di Pesaro-Urbino (nelle Marche) troviamo Cagli e Cantiano. Valicando invece i confini nazionale e continentali, è stata registrata una scossa di magnitudo 2.8 – propagatasi a 0.8 km di profondità – 1 km a sud di La Habra, nella contea di Organge, in California.

Dopo quello registrato stamattina, un nuovo terremoto si è verificato poco fa in provincia di Perugia (Umbria), ancora una volta nell’area del Metauro. Il sisma è stato di magnitudo 2.1 ed è avvenuto alle ore 10.21 tra i comuni di Apecchio e Pietralunga, i più vicini all’epicentro. Gli altri comuni coinvolti, ma leggermente più distanti, sono quelli di Borgo Pace (Pu), Mercatello Sul Metauro (Pu), Piobbico (Pu), Sant’Angelo In Vado (Pu), Città Di Castello (Pg), Montone (Pg) e Umbertide (Pg). Numerosi altri terremoti sono poi stati rilevati in tutto il mondo dallo United States Geological Survey (USGS): tra i più forti troviamo un sisma di magnitudo 4.7 avvenuto a Sud delle Isole Fiji e un altro sempre di magnitudo 4.7 registrato a Sud dell’area di Port Hardy, in Canada. La terra ha tremato anche nei pressi di Iquique, città del Cile settentrionale che si affaccia sull’Oceano Pacifico, dove si è verificato un sisma di magnitudo 4.5.

Torna a tremare la terra in provincia di Perugia, dove poco fa l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) ha registrato un terremoto di magnitudo 3.1 sulla Scala Richter. Secondo i dati raccolti, il sisma si è verificato pochi minuti dopo le 10 nell’area del Metauro, tra i comuni di Apecchio e Pietralunga, e al momento non si registrano danni o feriti. L’epicentro è stato localizzato con esattezza alle coordinate 43.4863°N, 12.3982°E, andando a coinvolgere anche i comuni (ma leggermente più distanti) di Mercatello Sul Metauro (Pu), Piobbico (Pu), Sant’Angelo In Vado (Pu), Città Di Castello (Pg), Montone (Pg) e Umbertide (Pg). Questa notte è stata invece rilevata un’altra scossa di terremoto di magnitudo 2.6 in provincia di Messina (Sicilia), nella zona dei Monti Nebrodi: in questo caso i comuni interessati sono quelli di Floresta (Me), Roccella Valdemone (Me), Santa Domenica Vittoria (Me) e Randazzo (Ct).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori