Daniele Pecci/ “L’essere un sex symbol non mi ha cambiato di una virgola”

- Mirko Bompiani

Daniele Pecci ospite a Oggi è un altro giorno: “Il desiderio non professionale è semplicemente essere sereno, non chiedo di più”

daniele pecci
(Oggi è un altro giorno)

Daniele Pecci torna protagonista sul piccolo schermo con la serie tv “Cuori”, in onda su Rai 1 a partire da domenica. Il celebre attore è stato ospite di Serena Bortone a Oggi è un altro giorno e ha ripercorso la sua carriera, esordendo sul suo “status” di sex symbol: «Non ha cambiato la mia vita di una virgola, ma l’ho assunto, diciamo: quello che ero, sono rimasto».

Daniele Pecci ha poi ricordato gli inizi con la recitazione: «Quando avevo 15 anni una prof di latino mi iscrisse a un corso di recitazione. Lo feci e c’era qualcosa che poteva piacermi: mi piaceva qualcosa a metà tra la letteratura e ciò che la letteratura diventava sul palcoscenico. Per questo motivo mi piace di più il teatro rispetto a cinema e tv».

DANIELE PECCI A OGGI È UN ALTRO GIORNO

Daniele Pecci ha poi parlato delle sue esperienze sul grande schermo, a partire da “Mine vaganti” con Ozpetek: «Quel film era intelligente perché c’era una vasta gamma di omosessualità. Mi sono divertito, è stato un set molto divertente con colleghi straordinari». Poi una battuta sul suo futuro da interprete: «Mi mancano tantissimi ruoli da interpretare. Penso a MacBeth. Non l’ho mai fatto a teatro. Figure dannate? Sì, la tragedia, quella epica anche, sono molto legato a quel tipo di repertorio là. Mi considero ancora un giovane…». Daniele Pecci ha poi brevemente parlato del privato: «Il desiderio non professionale è semplicemente essere sereno, non chiedo di più».



© RIPRODUZIONE RISERVATA