Dedicazione delle Basiliche dei Santi Pietro e Paolo/ La celebrazione il 18 novembre

- Matteo Fantozzi

Dedicazione delle Basiliche dei Santi Pietro e Paolo, come ogni anno anche oggi il 18 novembre si celebra questa importante ricorrenza.

croce 2018 iconografia
Pubblicità

Il 18 novembre è un giorno molto importante per tutti coloro che si riconoscono nella Chiesa Cattolica, perché questa giornata è quella in cui si celebra la Dedicazione delle Basiliche dei Santi Pietro e Paolo. Questo importante momento è quello in cui si ricorda e si celebra la consacrazione delle Chiese dedicate a due delle figure più importanti della cristianità, ovvero gli apostoli Pietro e Paolo. Entrambi erano definiti come “Principi degli apostoli”. Il primo spirò sul Colle Vaticano e la tradizione vuole che il suo luogo di sepoltura fu lo stesso dove venne ucciso a causa del suo rifiuto di rinnegare la propria fede. Paolo invece venne sepolto, stando sempre alla tradizione e alle fonti storiche, al di fuori delle mura romane dell’epoca in cui visse.

Si racconta che quando Costantino decise di fare costruire 7 basiliche nella Città Eterna, decise che 2 sarebbero sorte nei luoghi in cui riposavano i resti dei 2 apostoli. E da questa scelta nacque a sua volta l’idea, che viene solitamente attribuita a Costatino stesso, di una ricorrenza come quella della Dedicazione delle Basiliche dei Santi Pietro e Paolo. La Basilica di San Pietro venne costruita quindi sul Colle Vaticano, mentre quella che avrebbe poi portato il nome di San Paolo trovò posto sulla Via Ostiense.

Pubblicità

La Basilica di San Pietro subì dei lavori di ammodernamento e modifica nel corso del 1500, per volontà del Papa Giulio II, mentre la sua consacrazione si dovette a Urbano VIII e tale importante momento si verificò nel 1626. Va detto che molti importanti nomi dell’epoca rinascimentale e non solo, come ad esempio Michelangelo e Bernini, solo per citarne 2, prestarono il loro genio per rendere questa Basilica una vera e propria opera d’arte inimitabile ed immortale. I resti mortali di San Pietro si trovano, secondo la tradizione, sotto l’altare della Confessione: da usanza ormai consolidata nei secoli, si tratta di un altare dove solo il Papa può dire messa. Per quanto concerne la Basilica di San Paolo, va detto che purtroppo la sua versione originale venne distrutta da un grande incendio avvenuto nella prima metà del 1800 e precisamente nel 1823. Ad ogni modo i lavori di recupero procedettero velocemente e già nel 1854 Papa Pio IX poté consacrare la nuova Basilica di San Paolo. Ancora oggi questi 2 importantissimi luoghi di culto sono oggetto di una ricorrenza specifica che come detto cade il 18 novembre e sono tra i luoghi più visitati ed ammirati dai turisti di ogni parte del mondo.

Pubblicità

Dedicazione delle Basiliche dei Santi Pietro e Paolo, le celebrazioni a Roma

La dedicazione delle Basiliche dei Santi Pietro e Paolo vede ovviamente la città che sente di più tale ricorrenza non può che essere Roma. E non è quindi un caso che sia proprio la capitale italiana la realtà dove nella giornata del 18 novembre si svolgono importanti eventi religiosi legati a tale ricorrenza. Basti pensare che il 18 novembre viene celebrata messa in entrambe le basiliche. Tuttavia, anche se è Roma la città dove questo giorno è più sentito, vi sono altre località molto meno famose dove il 18 novembre si da il giusto spazio alla Dedicazione delle Basiliche dei Santi Pietro e Paolo. Il riferimento è a Pregnana Milanese, dove si tiene ogni 18 novembre una solenne processione. Questo piccolo comune milanese è molto interessante per la presenza, tra gli altri, di luoghi storici come ad esempio la Chiesa Parrocchiale intitolata proprio ai due Santi.

Gli altri Beati del giorno

Ovviamente nella giornata odierna la Chiesa Cattolica celebra anche altre figure, come San Teofredo e la beata Maria Gabriela Hinojosa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità