Dieta militare, il regime alimentare “strong” che dura solo 3 giorni/ Ecco quali alimenti sono concessi

- Davide Giancristofaro Alberti

Dieta militare, il regime alimentare “strong” che dura solo 3 giorni: ecco quali sono gli alimenti concessi per riuscire a dimagrire nel giro di pochi giorni

Ovaio policistico, i principali segnali Ovaio policistico, i principali segnali

Si chiama dieta militare ed è un piano alimentare estremamente strong, che permette di perdere peso in breve tempo. La dieta dura infatti solo tre giorni durante i quali si consumano circa 1.200 calorie, per poi riposare. Premessa, questo tipo di dieta non è consigliata dai nutrizionisti in quanto non è supportata da studi scientifici, e come vi diciamo spesso e volentieri, mai fare il fai da te e sempre rivolgersi agli esperti del settore.

In ogni caso, come si legge su Men’s Health, si tratta di un piano alimentare che ha come obiettivo quello di depurare l’organismo ma soprattutto sgonfiarsi, prima di riposare per 4 giorni e poi eventualmente riprendere lo stesso rigido regime alimentare. La prima cosa da sapere è che la dieta militare non concede degli “extra”, di conseguenza non ci sono spuntini al mattino o al pomeriggio. Si tratta quindi di una indicazione che va contro i diktat dei medici specialisti che invece consigliano di distribuire i pasti durante il giorno, piccole porzioni ma frequenti.

DIETA MILITARE, IL REGIME ALIMENTARE “STRONG”: NIENTE ATTIVITA’ FISICA

La particolarità della dieta militare è che per circa una settimana non bisognerà fare attività fisica per ottenere i risultati sperai, consentendo solamente una passeggiata o una biciclettata di massimo 60 minuti. Ma quali sono i cibi ammessi dalla dieta militare? Si tratta di cibi che contengono al loro interno molte proteine, a cominciare da tre classici della dieta di chi si allena in palestra, leggasi tonno, pollo e tacchino.

Si tratta di tre alimenti accomunati dal fatto di non aver alcun grasso al loro interno ma nel contempo di essere iperproteici. Per quanto riguarda le verdure ammesse, vengono concessi i broccoli, altro cibo doc degli sportivi, contenenti vitamine, ma anche fibre e minerali. Si possono cucinare in vari modi ma quelli maggiormente consigliati sono quelli lessati con un filo d’olio e di sale.

DIETA MILITARE, IL REGIME ALIMENTARE “STRONG”: COSA MANGIARE?

Nella dieta militare bene anche i legumi, considerati storicamente la miglior alternativa alla carne per le proteine (ma in questo caso andiamo in tandem), così come il tofu, perfetto per aumentare la massa muscolare. Un altro classico che troviamo nella dieta militare è l’ananas, diuretico e contenente tante vitamine ma anche fibre. Infine si consigliano le noci, ma in quantità moderate, nonché il cavolfiore, molto simili ai sopracitati broccoli.

Men’s Health segnala anche un esempio di dieta giornaliera da seguire, a cominciare dalla colazione, dove possiamo prepararci pane tostato con burro d’arachidi o olio d’oliva, una tazza di caffè o di te, quindi un toast integrale con il tonno a pranzo (anche in questo caso caffè o te), mentre a cena spazio alla carne (pollo e tacchino di cui sopra), con dei broccoli, con l’aggiunta di metà banana, una mela di piccole dimensioni e del gelato alla vaniglia.







© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultime notizie di Food

Ultime notizie