DORA LAGRECA CADUTA DA 4° PIANO/ Potenza, fidanzato indagato: istigazione al suicidio

- Alessandro Nidi

Dora Lagreca, 30enne morta a Potenza dopo essere precipitata dal balcone della mansarda nella quale viveva con il fidanzato, indagato

Dora Lagreca 640x300
Dora Lagreca (foto da Facebook)

Giungono aggiornamenti circa la tragica morte di Dora Lagreca, ragazza di appena 30 anni deceduta a Potenza nella notte tra venerdì e sabato dopo un volo di dodici metri dal quarto piano della palazzina in cui abitava unitamente al suo compagno, Antonio Capasso. Proprio il fidanzato della giovane ha allertato i soccorsi e ha raccontato ai carabinieri di avere provato a fermare la sua dolce metà prima che questa si gettasse dalla ringhiera, senza tuttavia riuscirci.

Capasso è ora indagato per “istigazione al suicidio“, ma pare che l’ipotesi degli investigatori non convinca la famiglia della giovane, che esclude il suicidio e chiede la verità sulla morte della trentenne. Lo affermano i parenti di Dora attraverso il loro avvocato difensore, Revinaldo Lagreca, evidenziando apertamente che “non c’era alcuna sintomatologia che potesse far pensare a un suicidio”.

DORA LAGRECA, MORTA A 30 ANNI CADENDO DAL 4° PIANO: COSA È ACCADUTO

La morte di Dora Lagreca, giovane di trent’anni precipitata dal quarto piano a Potenza alle 2.30 di sabato scorso dopo una lite animata con il fidanzato, è ancora avvolta nel mistero. L’assistente scolastica, nativa di Arenabianca, frazione appartenente al Comune di Montesano della Morcellina (Salerno), è caduta nel vuoto per dodici metri dalla sua mansarda di via Di Giura, sbattendo prima la testa contro un’antenna parabolica e atterrando poi sul prato del cortile del palazzo. Il suo decesso è sopraggiunto a due ore di distanza dall’accaduto, presso l’ospedale San Carlo.

Come riporta il “Corriere della Sera”, il compagno della ragazza ha raccontato ai carabinieri, diretti dal capitano Alberto Calabria, i motivi connessi alla furibonda discussione avvenuta tra i due, aggiungendo che, a un certo punto, lei avrebbe minacciato di buttarsi giù. L’uomo non è indagato e ha riferito, nel corso dell’interrogatorio di cinque ore al quale è stato sottoposto, di avere provato ad afferrare Dora proprio mentre questa stava scavalcando la ringhiera del terrazzino della mansarda, senza tuttavia riuscire a salvarla.

MORTE DORA LAGRECA, LA PROCURA: “AL MOMENTO NON È IL CASO DI FARE ALCUNA IPOTESI”

A quel punto, in base alla ricostruzione dei fatti eseguita dal “Corriere”, il ragazzo avrebbe assistito inerme e terrorizzato alla caduta di Dora Lagreca e si sarebbe fiondato per le scale, a piedi nudi, per provare a soccorrerla. Ha quindi chiamato i soccorritori del 118, che, nonostante gli sforzi profusi, non sono riusciti a strapparla alla morte. Francesco Curcio, capo della procura di Potenza, ricorda come le indagini siano attualmente in corso e, di conseguenza, “non è il caso di fare alcuna ipotesi. Stiamo ancora cercando di capire quello che è accaduto in quelle ore”.

Una prima svolta in tal senso potrebbe verificarsi martedì 12 ottobre, quando è in programma l’autopsia sul corpo della giovane, che potrebbe aiutare a chiarire le dinamiche della tragedia, peraltro materializzatasi a seguito di una serata trascorsa in compagnia con alcuni amici, raggiunti in pizzeria da Dora Lagreca e dal suo ragazzo. Poi, al rientro a casa, qualcosa ha generato un diverbio tra i due: agli inquirenti, adesso, il compito di chiarire tale, fondamentale aspetto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA