VINCOLI UE/ Bagnai: Renzi sa che la Germania ne “sfora” quattro?

- int. Alberto Bagnai

Per ALBERTO BAGNAI, il presidente del Consiglio dimostra di non conoscere le norme italiane ed europee e di non sapere che la stessa Germania è in violazione di quattro parametri dell’Ue

Renzi-MerkelR439
Matteo Renzi e Angela Merkel (Infophoto)

Il presidente della Commissione Ue, José Manuel Barroso, bacchetta il nostro Paese sul rispetto delle regole sottolineando che sono “fondamentali” per la fiducia nell’Italia e nell’Ue. Il capo del governo, Matteo Renzi, risponde prontamente: “L’Italia sta rispettando tutti i vincoli”. Il nostro Paese continua a essere tra gli osservati speciali, nonostante sia uno dei pochi all’interno dell’Ue a rispettare il limite del 3% nel rapporto deficit/Pil previsto dal trattato di Maastricht. Un limite di cui pure Matteo Renzi, parlando mercoledì alla Camera, aveva detto che “è oggettivamente un parametro anacronistico, oggettivamente”. Ilsussidiario.net ha intervistato Alberto Bagnai, professore di Politica economica all’Università Gabriele D’Annunzio di Pescara.

Professor Bagnai, davvero superare il limite del 3% nel rapporto deficit/Pil rappresenterebbe la soluzione?

La dichiarazione di Renzi da un lato è sorprendente, ma dall’altra me l’aspettavo. Il Partito democratico ha sempre rivendicato il fatto di averci consegnato all’euro come una sua vittoria, ma in questo momento è costretto a venire a patti con la realtà. Si orienta quindi sull’attribuire la colpa del fallimento dell’Eurozona alla rigidità delle regole di bilancio. L’euro in quanto tale non può essere un errore perché lo ha proposto la sinistra che è dalla parte del bene, ma l’Eurozona non funziona per gli egoismi della Germania che la portano a impuntarsi sulle regole fiscali.

Perché però prima diceva che le parole di Renzi in un certo senso la sorprendono?

A sorprendermi è il fatto che il presidente del Consiglio ignori completamente le leggi del nostro Paese e il quadro normativo Ue. Ciò è nello stesso tempo anche preoccupante.

Che cosa prevedono le norme italiane per quanto riguarda il bilancio?

La legge costituzionale del 20 aprile 2012 ha introdotto nella Costituzione il principio dell’equilibrio tra entrate e uscite di bilancio. Ciò significa che la regola italiana prevede che il rapporto deficit/Pil debba essere dello 0%, e non del 3%. Il fatto che Renzi affermi che il limite del 3% sarebbe anacronistico, suggerisce implicitamente che possa essere superato in Europa. Il paradosso è che in Italia non si può superare lo 0%, e ciò significa evidentemente che Renzi non sa di che cosa si sta parlando. Ma c’è un fatto ancora più grave…

Quale?

L’ignoranza ancora peggiore, e per certi versi molto colpevole, è quella relativa al quadro normativo europeo. L’Italia ha introdotto il pareggio di bilancio a seguito di una serie di atti europei non inscritti nei trattati, come per esempio il Six-Pack. La regola del Fiscal compact impone la riduzione del debito secondo un percorso pari a un ventesimo l’anno dell’eccedenza debito/Pil. Quindi non solo l’Italia dovrebbe avere il bilancio in pareggio, ma dovrebbe probabilmente averlo in surplus per ridurre il debito.

 

Il pareggio di bilancio è l’unico parametro di cui tenere conto?

No. Un regolamento Ue del 16 novembre 2011 ha previsto che non si debba tenere conto solo del parametro del bilancio, ma anche del saldo estero, della variazione del tasso di cambio reale del Paese, dell’evoluzione della quota di mercato export, dell’evoluzione del debito privato e dei prezzi delle abitazioni. Si è passati da una visione limitata al solo bilancio a una visione giustamente più ampia. Dico che Renzi ignora le regole Ue, anche perché dimostra di non sapere che la Germania è in violazione aperta di almeno quattro parametri.

 

Quali?

Tra i parametri Ue c’è l’obbligo di non avere un surplus di export superiore al 6%, l’obbligo di non effettuare una svalutazione reale competitiva pari a più del 5% (mentre la Germania è al 9%), l’obbligo di avere il debito pubblico al di sotto del 60% del Pil (quello tedesco è all’81%). Il presidente del Consiglio del nostro Paese, che è entrato in un trattato internazionale in condizioni di parità, non può chiedere il permesso di violare delle regole a un altro Paese che a sua volta lo sta già facendo.

 

(Pietro Vernizzi)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori